9
Il Tourbillon, che ha inizio con il video a luci rosse tra Mathieu Valbuena e la compagna, finendo per inghiottire Karim Benzema negli ultimi sei anni e mezzo, è finalmente giunto al termine. Il francese, infatti, ha comunicato che non si presenterà alla Corte d'Appello di Versailles il prossimo 30 giugno. Processo che avrebbe dovuto vedere Benzema sul banco degli imputati per concorso in tentata estorsione. 

LA CONDANNA - Lo scorso novembre è arrivata la condanna nei confronti di Benzema, che prevedeva un anno di carcere con la condizionale, una multa di 75mila euro e il risarcimento di 80mila nei confronti dell'ex compagno di Nazionale, Mathieu Valbuena. Il 30 giugno Benzema avrebbe dovuto presentarsi in corte per cercare di ribaltare la condanna, tramite l'appello.

IL PASSO INDIETRO - L'avvocato di Benzema, Hugues Vigier, ha comunicato in giornata il cambio di programma del suo cliente, specificando però che: "Non si tratta di un'ammissione di colpevolezza. E' una verità giudiziaria, ma non è la realtà. Il mio cliente è stanco di questa vicenda, si dichiarerà sempre innocente e non ha mai voluto partecipare a un ricatto contro Valbuena. Questa udienza non cambierebbe nulla". Lo riporta L'Equipe.