27
Tutto in una notte: dopo il pareggio di San Siro contro la Roma, che non è tuttavia costato all'Inter la vetta della classifica visto il 3-1 subito dalla Juve per mano della Lazio, Conte è pronto a rituffarsi in Champions League. Novanta minuti per l'impresa: battere il Barcellona significherebbe strappare il pass per gli ottavi di Champions League. In caso contrario, occorrerà guardare il risultato del Borussia Dortmund, che riceve lo Slavia Praga. 

INTER IMPRESSIONANTE - I blaugrana, dal canto loro, sono già qualificati e sicuri del primo posto. Ma non abbasseranno la guardia, come assicura il vice-presidente Jordi Cardoner a Tuttosport: "Andremo a San Siro con l'obiettivo di vincere. In trasferta, effettivamente, quest'anno non riusciamo ad esprimerci sui livelli a cui siamo abituati". Messi e compagni non avranno dimenticato facilmente la sofferta vittoria dell'andata, dove l'Inter mostrò spettacolo nel primo tempo del Camp Nou: "All'andata mi ha impressionato, è una squadra molto diversa rispetto a quella vista negli ultimi anni, tornata a far parte del lotto dei top team europei. Oggi si può parlare di nuovo di grande Inter".
INTRECCI DI MERCATO - Inter-Barcellona, però, non si esaursice con i 90' di martedì, ma prosegue anche sui delicati intrecci del mercato. A partire da Arturo Vidal e Ivan Rakitic: "Se non giocano tanto è perchè, come ha spiegato più volte il nostro allenatore, abbiamo un certo overbooking a centrocampo. Non sono io a dover dire come giocherebbero in altre squadre. Detto questo, ci fa piacere che i nostri calciatori vengano associati a club importanti come Inter e Juve, perchè vuol dire che abbiamo una grande rosa". Il sogno catalano, invece, è Lautarto Martinez, ma Cardoner chiosa: "Non parlo mai dei calciatori che non appartengono alla nostra squadra perchè rispetto i loro club. Se ne parla tanto? Beh, è importante che si parli dei nostri movimenti, ma devo anche dire che se arrivassero tutti i calciatori di cui leggo i nomi sui giornali, avremmo bisogno di cinque squadre per farli giocare tutti".