Commenta per primo

L'AlbinoLeffe continua nella politica dei piccoli passi pareggiando per 1-1 il match del Comunale di Bergamo contro il Cittadella. Il primo tempo si accende negli ultimi minuti di frazione: al 38' Pacilli serve in verticale Laner che si infila nella difesa del Cittadella e batte Cordaz in uscita. Palla al centro e il Cittadella pareggia: Di Carmine scodella un pallone in area, Busellato raccoglie e con un preciso tiro sul secondo palo batte Offredi. Nella ripresa gli ospiti provano a pungere con Maah e Di Carmine, ma le occasioni migliori sono per i seriani. Al 74' contatto in area Scardina-Germinale, per Ostinelli è rigore: dal dischetto va lo stesso Germinale che però calcia centralmente permettendo a Cordaz di respingere di piedi. A fil di sirena Taugourdeau s'invola sulla sinistra e serve per l'accorrente Foglio, che col piattone destro centra il palo. Finisce 1-1 per la soddisfazione degli uomini di Foscarini e il rammarico della banda Fortunato, che avrebbe meritato di più.

ALBINOLEFFE

Il ds dell'AlbinoLeffe, Aladino Valoti: 'C'è molto rammarico per il risultato di oggi perchè i ragazzi si sono comportati bene, hanno creato tre o quattro occasioni nitide ma oggi la fortuna non è stata dalla nostra parte. Sento parlare di coperta corta, ma se avessimo realizzato il rigore e se il tiro di Foglio fosse entrato in porta anziché sul palo saremmo qui a fare ben altri discorsi. Il mercato? E' difficile da interpretare. Posso dire con certezza che arriveremo a fine anno con questo gruppo perchè siamo tutti convinti che con questi ragazzi si possa fare bene. In uscita dovremmo fare qualcosa solo con dei ragazzi che sono ai margini della rosa'.

CITTADELLA

Il centrocampista del Cittadella, Massimiliano Busellato: 'Sono contento per il gol, finalmente mi sono sbloccato. La cosa più importante, comunque, è la nostra prestazione contro una grande squadra, un classico esempio di buona formazione di serie B. Inoltre ora siamo in vantaggio anche nel conto degli scontri diretti, avendo vinto in casa e pareggiato qui. Una dedica? Sicuramente alla mia famiglia, che mi è sempre stata vicina quando ero più giovane, portandomi all'allenamento tra mille sacrifici. Un ringraziamento va anche ai miei compagni che ogni giorno mi aiutano a crescere. Adesso conta solo salvarsi il più presto possibile'.