Commenta per primo

Dopo una giornata piena di tensioni, l’accoglienza glaciale di Reja e il solito gioco al rialzo dei sudamericani, pochi minuti fa - alle 22,15 - Josè Luis Palma, presidente del Liverpool Montevideo, ha firmato il trasferimento di Emiliano Alfaro alla Lazio. L’attaccante uruguaiano, 23 anni, esordiente con la Celeste del ct Tabarez il 15 novembre allo stadio Olimpico in occasione dell’amichevole con l’Italia, costerà 3,2 milioni al club biancoceleste.

Possiede origini piemontesi e il passaporto italiano, verrà tesserato con lo status di comunitario. E’ atteso a Roma tra lunedì e martedì per firmare il contratto che lo legherà alla Lazio sino al 30 giugno 2016. Vincenzo D’Ippolito, che aveva il mandato per trattarlo sul mercato italiano, ha escluso qualsiasi coinvolgimento del Genoa nell’operazione. Si trovava a Milano con il presidente del Liverpool Montevideo e l’operazione è stata conclusa via fax. Per l’ufficializzazione e il deposito dei contratti bisognerà attendere la prossima settimana.

Reja, prima della partenza per la trasferta di Siena, non è apparso molto entusiasta dell’operazione: «Alfaro è una punta centrale e in quel ruolo abbiamo già Klose, Cisse, Rocchi e Kozak». Il tecnico friulano aspetta un centrocampista, è la sua priorità dopo gli infortuni di Mauri e Brocchi. Ma tra qualche giorno comincerà ad allenare e studiare da vicino Emiliano Alfaro, 7 gol in 12 partite dell’ultimo torneo Apertura in Uruguay.