6
'Non sono sorpreso, perché lo conosco bene e so che ha tutto quello che serve per essere un ottimo attaccante. Usa entrambi i piedi, è sensazionale nei colpi di testa e sa tenere bene il pallone. Spesso gli basta una mezza occasione per segnare. In più è molto preparato tatticamente e fisicamente, ma la dote ancora più decisiva di tutte le altre è la voglia di insistere sul lavoro, anche duro, per migliorare nei piccoli dettagli. I top club sono il suo posto. È il tipo di attaccante che ogni allenatore al mondo sogna di avere nella propria squadra. Finora si è mosso bene e ha fatto tutti i passi nella giusta direzione per completarsi e diventare un grande giocatore a livello internazionale. Sono certo che ora ridarà al Milan il suo posto tra i primi quattro club del campionato italiano. Poi, in futuro, potrà anche diventare una stella da Real Madrid. Penso proprio che loro, i dirigenti del Real, in questo momento rimpiangano di non avere combattuto abbastanza per comprarlo nel mercato di gennaio. Ci hanno pensato sul serio, ma il Milan lo ha voluto di più'. Michal Probierz, tecnico del Cracovia, alla Gazzetta dello sport.