Il primo è stato, come sempre, Massimo Cellino. Ha scelto David Suazo in estate, ha cambiato David Suazo il 18 settembre: via l'honduregno dal Brescia, dentro Eugenio Corini. Lo stesso giorno, in Serie B, il Carpi mandava via Marcello Chezzi per richiamare l'evergreen Fabrizio Castori, esperto in rincorse miracolose; 8 giorni dopo non poteva non rispondere Maurizio Zamparini: dopo aver allontanato Stellone al termine della scorsa stagione per richiamare Tedino, il patron del Palermo ha richiamato Stellone per esonerare di nuovo Tedino. E in B non è finita qua...

VECCHI E STROPPA - Stefano Vecchi e Giovanni Stroppa possono essere i prossimi. Ore di riflessione sia a Venezia che a Crotone: l'ex allenatore della Primavera dell'Inter ha vinto solo all'esordio, poi 4 ko e un pareggio, con il club lagunare terzultimo in classifica; differente la situazione dell'ex Foggia, con i Pitagorici partiti favoriti ai nastri di partenza ma indietro in classifica, con 2 sole vittorie in 7 partite, con le pesanti sconfitte con Cittadella, Verona e Pescara. La dirigenza del Crotone sta pensando a Massimo Oddo per risollevare la classifica, che vede i calabresi al 12esimo posto. 

FIDUCIA A LUCARELLI - Discorso diverso, invece, per Cristiano Lucarelli: il Livorno, ultimo in classifica, alla ricerca ancora della prima vittoria in campionato, sembra aver ribadito la fiducia all'ex capitano del club toscano, simbolo e idolo per l'intera tifoseria  (anche se iniziano a circolare i nomi di Breda e Aglietti). Dargli fiducia in un momento difficile nella settimana della sosta può essere la cura giusta per compattare l'ambiente. E andare controcorrente in quel campionato che divora gli allenatori. 

@AngeTaglieri88