Commenta per primo

Giovedi per l'Arsenal è un giorno da bollino rosso. O forse meglio dire blaugrana. E' infatti in programma l'atteso faccia a faccia tra Arsene Wenger e Cesc Fabregas, che chiederà ufficialmente la cessione al Barcellona. I due non si sono ancora visti dalla fine della scorsa stagione e lo faranno in occasione della foto di squadra, in programma proprio giovedì all'Emirates . Le posizioni sono chiare: il centrocampista spagnolo vuole il Barcellona, e dopo le frasi sibilline, la lettera scritta a Wenger, si aspetta il via libera dell'Arsenal, che per il momento non sembra disposto ad accontentarlo. Fabregas considera finita la sua avventura a Londra e, per rispetto dei tifosi dei Gunners, chiederà di essere ceduto perchè non si sente più il capitano e non condivide più lo stesso progetto. Vuole tornare a casa, come ha più volte sottolineato ai compagni di nazionale, tra cui Piqué, con il quale ha trascorso parte delle sue vacanze a Formentera.

Se l'Arsenal dirà di sì, inizierà un nuovo capitolo dal titolo "trovare l'accordo economico". Non tra Fabregas e il Barcellona (che ha pronto un contratto di cinque anni), ma tra il club catalano e l'Arsenal. Al momento "ballano" 20 milioni tra domanda e offerta, Sandro Rosell non è disposto a pagare i 60 milioni chiesti da Wenger e si aspetta uno sconto importante. Tra i due club non corre buon sangue, ma la volontà del giocatore alla fine sarà decisiva. Probabile che l'affare si possa chiudere sulla base di 50 milioni.