7
Il tecnico dell'Atalanta Gian Piero Gasperini ha parlato alla vigilia della gara d'andata delle semifinali di Coppa Italia contro il Napoli, in programma domani alle 20.45 allo stadio Diego Armando Maradona, in esclusiva per Raisport: "Domenica contro la Lazio siamo entrati subito in campo col pensiero alla semifinale. Giochiamo talmente tante partite in poco tempo: se pensiamo che solo una settimana fa, avevamo appena giocato col Milan, poi in pochissimo tempo abbiamo fatto due partite con la Lazio... Credo che la cosa migliore sia pensare al Napoli domani: sarà una partita di grande valore. Facciamo una semifinale in due tempi, prima a Napoli e una settimana dopo qui a Bergamo, passare il turno sarebbe un traguardo molto, molto importante".

D. Tornando alla gara con la Lazio, le squadre davanti hanno vinto tutte quindi in classifica c’è stata un po’ una battuta d’arresto.

R. "Effettivamente è un momento che tutte quante spingono molto molto forte però per il campionato abbiamo tempo e ci sono ancora tante partite: 18 gare sono veramente tante. Ma in questo momento l’attenzione è tutta sulla Coppa Italia".

D. Con in Napoli in campionato c’è stata una delle più brutte sconfitte della stagione. Rispetto a quella Atalanta che Atalanta ci dobbiamo aspettare domani sera?

R.  "Sicuramente un altro tipo di Atalanta perché quella fu una delle partite più difficili e più brutte da parte nostra e quindi giochiamo contro una squadra indubbiamente forte. Anzi pensavo che alla vigilia il Napoli fosse tra le principali candidate a vincere il campionato. Quindi dovremo arrivare molto bene a questa gara".

D. La nota positiva è che recupera Romero e Gosens. Sono due pedine fondamentali nel suo scacchiere.

R. "Sono molto importanti per il loro valore e anche perché abbiamo anche Palomino squalificato e quindi erano importante questi recuperi. Ma devo dire che anche chi ha giocato in questo periodo ha fatto delle buone prove. C’è stato un buon turnover. Il problema della partita contro la Lazio è che si è incanalata male dall’inizio, però alcune prestazioni sono state di valore".
D. Il mercato si è chiuso con Maehle e Kovalenko e con un po’ di uscite. Questa rosa un po’ più ristretta immagino le piaccia per come intende lei la squadra.

R. "Maehle è un giocatore che sulle fasce ci può dare un buon contributo, e lo si è visto anche che quelli sono dei ruoli molto, molto dispendiosi. Per  il resto rimasta è rimasta la stessa squadra. È arrivato Kovalenko che adesso conosceremo nei prossimi giorni. La rosa credo che col passare del tempo sia più affiatata e anche chi è arrivato quest’estate abbia avuto modo modo di inserirsi al meglio e di avere il tempo anche per dare un contributo migliore".

D. Dopo la sconfitta contro Inzaghi qualcuno ha scritto: sarebbe stato utile il Papu Gomez. Immagino che lei si aspettasse questi commenti.

R.  "Questo è normale e penso che sarà sempre sempre così. Ma noi abbiamo fatto 14 risultati utili di fila e speriamo di poterci ripetere. Abbiamo vissuto un buon momento e come ho detto fino a pochi giorni fa venivamo dal successo contro Milan e Lazio e da lì dobbiamo ripartire".

D. Ha visto la sfogo di Gattuso dopo la vittoria col Parma? Dall’esterno come la valuta?

R. "Penso che il Napoli sia una squadra forte e lo sta dimostrando. Io di Rino ho la massima stima. Non conosco la situazione  ma so che in questi casi le vittorie aggiustano tutto. Però in questo caso noi non siamo molto dell’idea....".