21
Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, il ds dell'Inter Piero Ausilio traccia le linee guida sul mercato dei nerazzurri, a partire dall'argomento rinnovo per il contratto in scadenza dell'allenatore Walter Mazzarri: "Non c'è alcun problema. Ci sentiamo quotidianamente per telefono e ci siamo visti di persona martedì scorso: parliamo anche di mercato, delle novità dello staff, lui ha una gran voglia di ricominciare, è riposato ma carichissimo. Ho già avuto un incontro con l'avvocato che lo rappresenta, stiamo iniziando a confrontarci sulle idee e sulla struttura del contratto".

Su M'Vila e i colpi a centrocampo: "Stiamo lavorando col Rubin. Diciamo che a Pinzolo l'unico che potrebbe arrivare è M'Vila, lui ha manifestato una grande soddisfazione all'idea di poter far parte di un nuovo progetto. Se acquisteremo due mediani? Non abbiamo fretta, nella mia testa, se si fa una cosa al mese ma fatta bene, è meglio. Bisogna anche tener contro delle operazioni in uscita e prima di tutto serviva un sostituto di Cambiasso. Mario Suarez e Song? Il primo è incedibile, parliamo di nulla, così come per Song. Casemiro? E' un'opportunità valida. Behrami che piace a Mazzarri? Ho parlato col Napoli e proposto uno scambio, ma non se n'è fatto nulla".

Capitolo Rolando: "Trattativa ferma. Col giocatore c'è l'accordo e abbiamo fatto al Porto un'offerta che riteniamo equa (3,5 milioni) per un difensore di 28 anni che va in scadenza nel 2015. Oltre questa proposta non andremo. Il rinnovo di Ranocchia? Ne parleremo al suo rientro dalle vacanze".
Kovacic: "E' incedibile, abbiamo rifiutato offerte molto importanti. E non parte nemmeno Icardi".

Attacco: "Abbiamo già due prime punte come Icardi e Palacio, quindi è difficile puntare a un giocatore con le caratteristiche di Hernandez, meglio una seconda punta. Lamela e Jovetic non sono sul mercato, i rispettivi club non li cedono. Biabiany? Abbiamo fatto un primo tentativo col Parma, ma ci aggiorneremo. Ibarbo? Ha fisicità e duttilità, ci piace".