Commenta per primo
Ieri pomeriggio, presso la sede dell'Ente Eur SpA, è nata MyRoma, l'Associazione dei tifosi ro­manisti che condividono il progetto di azionariato po­polare per la Roma. Tra gli 83 costituenti figurano alti personaggi dello spettacolo, della politica e dell'imprenditoria romana: gli attori Gigi Proietti, Elio Germano, Massimo Ghini e Valerio Mastandrea, il regi­sta Enrico Vanzina, i cantau­tori Luca Barbarossa e Da­niele Silve­stri, i politici Paolo Cento, Fabio Grana­ta e Luciano Ciocchetti, hanno aderi­to al disegno di Walter Campanile, il fondatore di MyRoma, che la scorsa estate sognò una Roma improntata sui model­li europei di azionariato po­polare. L'Azio­nariato Popolare si prefissa lo scopo di far sorgere un nuovo modo di inten­dere il rapporto tra tifoso e società, dove in mezzo c'è un terribile vuoto da colmare. Walter Campanile, dopo aver deposi­tato e firmato nel pomerig­gio di ieri, presso lo studio del notaio Terzi, i documen­ti necessari alla fondazione di MyRoma, da oggi sarà già all'opera per accogliere le prime sottoscrizioni, attra­verso l'apertura di un conto corrente e di un'infrastruttu­ra ad hoc: le quote varieran­no dai 150 euro (ai quali ver­rà applicato il 30% di sconto e la validità per tutto il 2011) per gli 'associati base', ai 25 euro per i 'primi tifosi' di età compresa tra zero e cinque anni. Anche i tifosi gialloros­si residenti all'estero potran­no dare il lo­ro sostegno. Questo punto di partenza vale come censimento per capire quali possano essere le reali aspirazioni di MyRoma. Nel gradino più alto della lista dei desideri c'è quello di af­fiancare concretamente la società dei Sensi.