34
Incredibile ma vero: il Barcellona ha debiti per 74 milioni di euro con altri club europei, in seguito al trasferimento in blaugrana di alcuni giocatori nell'estate del 2014. E' questo quello che riporta DiarioGol.com: il club catalano, approfittando del permesso provvisorio assegnatogli dalla Fifa nell'estate scorsa, si è rivelato molto attivo sul mercato, forse troppo. Nella penultima sessione ha infatti investito ben 157 milioni di euro per gli acquisti di alcuni top player, acquisti che per la maggior parte non sono ancora stati saldati.

IL CASO SUAREZ - Alla fine dello scorso esercizio, il 30 giugno 2015, i soldi che il presidente del club, Josep Maria Bartomeu, e i suoi soci dovevano ad altre squadre era di circa 74 milioni di euro: l'operazione più onerosa è stata quella che ha portato Luis Suarez al Barca dal Liverpool, per ben 81 milioni di euro. I soldi versati sono stati però solamente 36,2 milioni di euro, da cui l'Ajax, secondo club europeo nel quale ha giocato Suarez dopo l'esordio al Groningen, ha ricavato 600.000 euro.

SIVIGLIA, ARSENAL, VALENCIA E REAL SOCIEDAD ATTENDONO - Anche il Siviglia attende notizie dalla Catalogna: il Barcellona deve pagare ancora 21,6 milioni di euro per Ivan Rakitic, Aleix Vidal e Denis Suarez. Cinque milioni di euro devono essere versati al Valencia per Jeremy Mathieu, la stessa cosa per quanto concerne il trasferimento di Claudio Bravo dalla Real Sociedad. 4,5 milioni di euro devono invece essere destinati all'Arsenal, addirittura ancora per gli acquisti di Cesc Fabregas, ormai al Chelsea da due anni, e Thomas Vermaelen. Anche in Catalogna hanno i loro scheletri nell'armadio, ma i debiti, da parte di una delle società più ricche del mondo, proprio non ce li saremmo aspettati.