Commenta per primo

Non sarà il Bari vero, ma almeno comincerà ad assomigliarci un po'. I biancorossi preparano alacremente la sfida di domenica con il Cesena: 'la partita della vita', come è definita nello spogliatoio dei galletti. Ventura potrebbe non stravolgere la difesa 'sperimentale' di Catania. Il recuperato Andrea Masiello dovrebbe tornare terzino destro come nei tempi d'oro dello scorso campionato, mentre al centro tira aria di conferma per il tandem Belmonte-Marco Rossi. Anche sulla corsia sinistra potrebbero esserci novità: Raggi, infatti, contende una maglia al finora inamovibile Parisi.

L'assetto di centrocampo e attacco dipenderà molto dal recupero di Alvarez, Rivas e Kutuzov. L'honduregno è alle prese con un affaticamento muscolare che non dovrebbe pregiudicare la sua disponibilità. Rivas, invece, sembra avviato al pieno recupero dopo lo stiramento all'adduttore avvertito con il Milan, mentre Kutuzov sta smaltendo una distorsione alla caviglia. Se fossero tutti in grado di giocare, la mediana sarebbe addirittura quella tipo, con Alvarez e Rivas esterni e la coppia Donati-Almiron in mezzo. In prima linea, così, ci sarebbero Caputo e Kutuzov. Se il bielorusso non ce la facesse, sarebbe ancora Alvarez il partner offensivo del giovane altamurano. In tal modo si libererebbe un posto da esterno offensivo: una maglia che finirebbe in ballo tra Pulzetti e D'Alessandro, a seconda dell'atteggiamento (più o meno spregiudicato) scelto da Ventura.

'Non possiamo permetterci di perdere altro terreno dalle dirette concorrenti', afferma il difensore Andrea Masiello. 'Contro il Cesena dovremo dare tutto quello che abbiamo in corpo per conquistare i tre punti. A cominciare dal sottoscritto: devo farmi perdonare l'assurda espulsione rimediata con il Parma. E' il momento di tirar fuori l'orgoglio: una vittoria potrebbe chiudere una volta per tutte questo brutto periodo negativo'.

(Corriere del Mezzogiorno- Edizione Puglia)