80
Inizio da sogno, finale da incubo. La stagione di Andrea Belotti con il Torino si può riassumere così. 11 gol segnati nelle prime 21 giornate di campionato, soltanto due - entrambi su rigore - nelle restanti 17. La salvezza ottenuta nel finale ha reso meno amara l'annata del Gallo, quella che lo ha portato ad Euro 2020. E anche a un'estate che lo vedrà protagonista sul mercato.

LA SCELTA SUL FUTURO - Il suo contratto con il Toro è, infatti, in scadenza nel 2022, ovvero tra un anno. I discorsi per il rinnovo sono fermi da diverso tempo, il presidente Cairo ha dichiarato che in queste settimane parlerà con il suo capitano per capirne le intenzioni. A oggi la volontà di Belotti è quella di prendere in considerazione, forse per la prima volta, un futuro lontano dai granata: a 28 anni da compiere il prossimo dicembre, l'attaccante sa che si appresta a firmare il contratto più importante della sua carriera e vorrebbe farlo con una squadra che lotta per obiettivi superiori a quelli del suo Torino.

OFFERTA DELLA ROMA - I club pronti a investire sul Gallo non mancano: in prima fila c'è la Roma di José Mourinho, suo estimatore da diverso tempo, che in attacco confermerà soltanto uno tra Dzeko e Mayoral e vuole fare spazio al centravanti bergamasco. Una prima offerta da circa 15 milioni di euro è pronta a partire in direzione Torino, i granata ne chiedono almeno 10 in più. Tra chi, negli ultimi mesi, ha seguito con attenzione gli sviluppi della situazione c'è poi il Milan, da anni accostato a Belotti, ma con la conquista di un posto per la prossima Champions League i rossoneri vorrebbero investire su un attaccante diverso, uno alla Vlahovic. La Fiorentina a oggi non vuole cedere il suo gioiello, ma se alla fine il presidente Commisso dovesse convincersi, potrebbe rimpiazzare il serbo proprio con Belotti. Uno che conosce Gattuso dai tempi di Palermo, un altro che vuole cancellare il finale da incubo di questa stagione.