Commenta per primo

Intervenuto in conferenza stampa per presentare l’importante sfida che vedrà il Napoli affrontare la Roma, l’allenatore dei partenopei Rafael Benitez ha sottolineato l’importanza della partita nella corsa alla Champions League: "E' fondamentale per il nostro obiettivo più importante che è finire secondi e garantirci la Champions diretta. Dobbiamo vincere, non nascondiamoci, poi il calcio è questo e si può vincere o meno ma l'affrontiamo al massimo. All'inizio abbiamo fatto benissimo, i nostri numeri dicono che ancora la squadra sta bene, la concentrazione e la motivazione cambia quando giochi con Milan o Roma. Abbiamo lavorato molto sulla fase difensiva e le ripartenze avversarie, ma anche sulle difese a quattro o cinque. Se non si fa gol, però...".

Sugli uomini a disposizione e sul rendimento del Napoli con o senza Gonzalo Higuain: "Higuain è fondamentale, ma non significa che non si può giocare senza di lui. Tutti hanno fatto delle reti in attacco e c'è sempre possibilità di fare gol. Zuniga? Lo abbiamo lasciato andare in nazionale, in ritiro, è tornato con allegria. Si vede che è stato positivo. Lui sta facendo allenamenti, non s'è fermato in questi 6-7 giorni, va meglio. Il ginocchio è un mistero, ognuno reagisce in un modo. Ora va bene, si allena da sette giorni senza problemi, ma aspettiamo. Hamsik? E' un giocatore di massimo livello, sta tornando piano piano e sono soddisfatto del suo lavoro. Lui sa che può fare la differenza, ma ha la mia fiducia perchè lo vedo allenare. Ha fatto la differenza all'inizio e può farla alla fine".

Sulle assenze della Roma e sulla squalifica di De Rossi: "Noi abbiamo avuto assenze di lungo termine, ma lungo termine davvero. Nessuno però mi ha chiesto nulla. Loro hanno il vantaggio di una gara a settimana fino alla fine del campionato, noi invece con la nostra rosa andiamo avanti anche in Europa League".

La chiusura va alla progettualità futura e ai prossimi campionati: "La Juventus è una società forte, l'abbiamo visto, la Roma con una competizione sta facendo bene e noi stiamo facendo bene su più fronti. Il prossimo anno sarà uguale, con Milan e Inter in più, ma io conoscerò ancora meglio la rosa ed il campionato e il Napoli sarà ancora più competitivo".