Commenta per primo

 

Rafael Benitez sa che il derby di domani contro il Milan può cambiare la stagione della sua Inter: "Sappiamo che il derby è una partita importante, come lo è in Spagna o Inghilterra, anche in Italia è allo stesso livello - dice il tecnico - ho capito il significato della sfida tra Inter e Milan dopo la gara di Istanbul, quando i tifosi nerazzurri erano accanto quelli del Liverpool che ho saputo, domani sera saranno con noi a sostenere la nostra squadra'. 
 
Il derby numero 275 sarà il primo per Rafael Benitez che questa volta vive da diretto protagonista tutte ciò che questa partita porta con sé: "Si vede, si sente, il derby si respira. Tutti i giocatori ci pensano, tutti ne parlano. Anche i tifosi ti raccomandano, l'ambiente è tutto particolare".
 
Se l'Inter che domani affronterà il Milan cambierà non sarà certo in funzione dell'avversario: "Noi pensiamo a noi, anzi anticipo la domanda che qualcuno di voi a breve mi farà. Mancini, Cuper, Herrera, prima di me hanno utilizzato il rombo, un modulo che noi useremo se questo sarà un bene è buono per la squadra, altrimenti cambieremo. Dipenderà soprattutto dai giocatori che avremo a disposizione.
 
"Inter e Milan sono entrambi squadre forti - continua l'allenatore spagnolo - ma questo è un derby e l'attuale situazione in classifica ha un'importanza relativa. Sappiamo che significato ha questa partita per tutti per i nostri tifosi, per la società, ma la vera differenza domani la farà la voglia di vincere che ciascuna squadra dimostrerà".
 
Julio Cesar ed Esteban Cambiasso tornano a disposizione dell'allenatore nerazzurro: "Stanno entrambi meglio, non al cento per cento, ma se avremo bisogno di loro saranno disponibili. Certo, sarà sicuramente più facile per Julio perchè corre di meno'. Come spiega lo stesso Benitez, 'l'ipotesi di vedere titolare Marco Materazzi è realistica. Un derby ha sempre bisogno di un po' di passione e Marco ce l'ha ", spiega Benitez che a proposito di Ibrahimovic continua: "Ha fatto tanto per l'Inter, ma domani è un avversario e spero che non giochi bene".
 
Qualche quotidiano scriveva di un'Inter migliore di quella dell'anno passato dopo i successi su Bari e Werder Brema, li stessi che scrivono oggi di un Benitez a rischio e che defiscono questo Inter-Milan come la partita che potrebbe dare una svolta al campionato: "Noi vogliamo avere equilibrio. Mancini, Mourinho saranno sempre nella memoria di tutti i tifosi, ma adesso bisogna dimenticare il passato. Stiamo provando a far qualcosa di diverso per vincere. Se domani ci riusciremo, qualcosa cambierà, ma per me ciò che conta è avere equilibrio e dimostrare la voglia di vincere. Quella di domani può essere un match che potrà fare la differenza per noi, abbiamo l'orgoglio di essere una squadra che ha vinto tanto e quella di domani sarà una partita giusta per dimostrarlo".