Commenta per primo

Rolando Bianchi in panchina col Napoli.
Toro, Ventura: “Ogbonna? Ci vuole pazienza, è troppo importante per noi".
E’ un intreccio che profuma di romanzo quello che lega Ogbonna e Bianchi alla sfida Torino-Napoli, in programma questa sera (ore 21) all’Olimpico. Da simboli del Toro a rinforzi del club azzurro il passo poteva essere breve, da giocatori attesi nella grande notte a panchinari di lusso il passo può essere molto breve.

Il diamante del vivaio granata e il capitano di mille battaglie non hanno il posto assicurato per il posticipo della serie A: Ogbonna non è ancora al 100% dopo l’infortunio e la ricaduta, mentre Bianchi vede in vantaggio Meggiorini per fare coppia con Barreto tra motivi tattici e motivazionali. E dire che il difensore è stato uno dei giocatori più corteggiati dal presidente De Laurentiis (anzi, lo è tutt’ora) e l’attaccante è stato l’ultimo a segnare un gol al Napoli sotto la Mole. In quel 1-0 del dicembre 2008 Bianchi e Ogbonna erano titolari all’Olimpico e di quella partita sono gli unici “superstiti” delle due squadre, ma stasera rischiano di viver in seconda fila l’atteso Toro-Napoli.

“Ci vuole un attimo di pazienza per Ogbonna – ha spiegato Giampiero Ventura -: è un bene troppo importante per il Toro. Il posto è suo, ma deve essere tutelato: forse abbiamo voluto accelerare la ripresa perché c’era tanta voglia di vederlo in campo, ma non abbiamo l’ansia di farlo giocare a tutti i costi. Ora il suo finale di campionato deve essere straordinario: in ballo non c’è solo mercato, ma la Nazionale”. I flop di Cagliari e Parma invitano dunque alla prudenza: Ogbonna ha subìto un’operazione complessa e deve ritrovarsi pienamente, mentre il Toro non può rischiare di bruciare un proprio capitale. Per questo ci sarà Rodriguez al suo posto, in coppia con Glik. Il difensore vice campione d’Europa con l’Italia di Prandelli continua a ricevere segnali dal Napoli, ma in pole position ci sono Milan e Juve che continuano a marcarlo stretto.

In estate si capirà il futuro di Ogbonna, mentre quello di Bianchi sembra esser segnato. “Rolando ora è in scadenza di contratto – ha ricordato il fratello-procuratore Riccardo su Radio Kiss Kiss – e il futuro suo è ancora un po’ nebuloso, ma difficilmente sarà al Torino. Il Napoli l’ha cercato durante il calciomercato invernale, ma nulla di grosso”. Sulla sua vicenda, ieri è anche intervenuto Ventura. “Chi è in scadenza – ha detto - è in una situazione anomala: a volte si hanno reazioni esagerate per ottenere qualcosa e a volte inconsciamente si tende a rallentare. Lui dà grande disponibilità ed è un professionista a cui non si può dire nulla, ma il contratto pesa”.