24

In un'intervista a Sky Sport Kevin Prince Boateng ha parlato dei buu razzisti nella sfida con la Roma: "Quello che è successo domenica sera è veramente triste, parliamo da mesi di queste cose, ma continuano a esserci certi episodi.  Mi dispiace per la Roma ma una multa di 50 mila euro è troppo poco. Io porterei via tutti i tifosi. Durante la partita ho parlato con l'arbitro e mi ha detto che avrebbe fermato la gara in caso di altri cori. Lo ha fatto per 90 secondi, ma poi ci sono stati altri buu, è veramente difficile ma è importante fare qualcosa contro il razzismo. Complimenti a Rocchi che ha fatto un bel gesto dimostrando coraggio".
 
Poi sul futuro di Allegri: "Ha fatto un gran lavoro in questi tre anni, siamo sempre stati tra i primi con lui, deve restare, per me non c'è Milan senza Allegri". Sui fischi dei tifosi: "Posso capire i tifosi, un numero 10 del Milan che fa solo tre gol dopo grandi giocatori come Seedorf e altri che hanno indossato questa maglia...Però quando uno stadio intero fischia un giocatore non va bene, è stata una stagione difficile per me e per tutta la squadra, con tanti giocatori giovani nuovi, ma se arriviamo terzi la nostra sarà una grande stagione".

Infine su El Shaarawy: "Sta facendo una stagione incredibile, senza di lui non saremmo al terzo posto, ha fatto 16 gol in A e ha fatto bene anche in Champions League. È un attaccante che aiuta anche in difesa e nel calcio non contano solo i gol e gli assist, per me è stato il migliore dell'anno nel Milan e anche se nelle ultime partite non ha fatto gol, non è importante perché lavora anche per la squadra. E poi c'è Balotelli che fa tanti gol e sa anche segnare i rigori a San Siro, con la pressione che c'è: non è semplice. Lui, però, ha grande personalità ed è un giocatore fortissimo. Mi ha sorpreso perché tutti mi dicevano che era un pazzo, invece è un professionista serio che entra in campo e fa gol".