232
Bologna-Milan 2-4 

BOLOGNA

Skorupski 5.5: su qualcuno ha più colpe e su altre meno ma i gol subiti sono quattro, il Milan spinge parecchio e lui va in difficoltà.

Medel 5: devia il potente tiro di Rafael Leao beffando il compagno in porta, peccato perché poco reattivo per tutto l’arco della gara.

(dal 42’ st Orsolini: s.v.).

Soumaoro 4.5: commette un errore che costa caro, viene infatti espulso nella prima frazione di gioco per un fallo su Krunic.

Theate 5.5: la volontà c’è ma le incertezze non mancano, peccato perché da lui ci si aspetta sempre il massimo.   

De Silvestri 6: bada più a coprire che a spingere, sulla fascia si muove come chiede l’allenatore.

Dominguez 6: reduce da un affaticamento muscolare, non è al top della forma ma si fa notare.  

(dal 18’ st Schouten 6: permette al compagno di rifiatare).

Svanberg 6.5: in mezzo al campo gli spazi sono pochi ma lui riesce a trovarne, si dimena tra gli avversari dando vita a importanti duelli.

Hickey 6: dà il suo contributo in entrambe le fasi, qualche insicurezza ma non tale da macchiare la prestazione.

(dal 18’ st Dijks 5: il suo è un approccio totalmente negativo al match).

Soriano 5.5: scala in mediana una volta rimasti in dieci, il suo ruolo naturale lo aiuta a dare maggiore supporto alla squadra tanto da fornire l’assist a Barrow. Viene espulso per un fallo su Ballo-Toure. 

Barrow 7: statico in mezzo all'area nel primo tempo, si riprende nel secondo segnando il gol del pareggio finale.

(18’ st Binks 6: scelta tattica per chiudersi maggiormente rimasti in nove).

Arnautovic 6: sbaglia un’occasione clamorosa ad inizio partita ma il lavoro sporco per i compagni non manca mai.

(38’ st Santander: s.v.).
 
All. Mihajlovic 6:
il Bologna sotto di due gol reagisce e, anche se in nove, prova a portare a casa un punto. Viene beffato sul finale da Bennacer e Ibrahimovic. 


MILAN

Tatarusanu 6: la sua partita inizia con un’uscita incerta che mette apprensione alla difesa. Si riscatta con due ottime parate su Arnautovic, non ha colpe sui gol del Bologna. 

Calabria 6,5: in trasferta si esalta e dopo il gol fondamentale contro l’Atalanta ne realizza un altro altrettanto importante. Mezzo voto in meno perché si perde Barrow in occasione del gol del pari. 

Tomori 6: così come nella sfida di Champions League contro il Porto anche stasera non è particolarmente brillante e soffre i continui cambi di posizione degli uomini d’attacco del Bologna. Barcolla ma non molla. 

Kjaer 5,5: Arnautovic è un cliente difficile da marcare e lui va spesso in affanno. Tiene in gioco Barrow sulla rete del 2-2. 

Ballo-Touré 6: in fase difensiva è ancora un grande punto interrogativo, molto bene quando ha campo per sprigionare la sua grande rapidità. Mette dentro diversi cross interessanti. 

Bennacer 6,5:  arriva spesso in ritardo sulle seconde palle che sono quasi tutte di Dominguez. Nel finale esce alla grande con lucidità e la rete della vittoria. Essenziale. 

Tonali 6: una partita complicata per il talento rossonero. Non riesce a trovare le verticalizzazioni per le punte, bene in fase di schermo davanti alla difesa. Pioli lo cambia perchè a rischio rosso. 

(Dal 1’ st Bakayoko 6: non è al meglio della condizione, sbaglia tanto dal punto di vista tecnico. Ma è suo lo spunto che porta alla rete del successo firmata da Bennacer). 

Castillejo 5,5: spesso raddoppiato, fa tanta fatica a saltare l’uomo. Esce per un problema muscolare. 

(Dal 1’ st Saelemaekers 6: prova a dare profondità alla manovra, combatte fino all’ultimo minuto). 

Krunic 5,5: cerca di farsi trovare tra le linee, si muove molto. Ma crea poco e nulla. 

(Dal 14’ st Giroud 6: solo un miracolo di Skorupski gli nega la gioia di un gol ormai fatto). 

Leao 6,5: primo tempo di grande qualità e strappi che mandano spesso in tilt la difesa del Bologna. Arriva a quota quattro gol in campionato. 

Ibrahimovic 5: gli bastano due lampi per far girare la partita dalle parte del Milan; assist visionario per Leão e piattone a giro imparabile per la rete della sicurezza. Però per lunghi tratti è il peggiore in campo: si muove pochissimo e sbaglia molti palloni. 

Pioli 6: questa sera è mancata la prestazione, ma i tre punti sono fondamentali per la classifica e il morale.