Commenta per primo

 

Albano Guaraldi, presidente del Bologna, racconta il modo incredibile in cui la società felsinea ha perso alle buste con l'Inter il portiere Emiliano Viviano
 
Tutto è dipeso da un errore del direttore generale Stefano Pedrelli, il quale, come ha spiegato il presidente rossoblù, sul modulo federale, invece che scrivere il doppio della cifra che il Bologna intendeva offrire (4,710 milioni, l'Inter 4,2) e cioè 9,420 (l'offerta più il totale, non essendo il Bologna titolare del cartellino), si è sbagliato e ha scritto la metà: 2,335 milioni. 
 
"Abbiamo provato - ha spiegato il presidente - a scrivere un telegramma in Lega, chiarendo le ragioni di un errore grossolano, per di più compiuto da una persona che di queste buste ne avrà scritte centinaia. Siamo caduti sulla famosa buccia di banana. Dalla grande euforia per essere stati in grado di contrapporci all'Inter, riprendendo credibilità, siamo passati allo sconforto. L'accaduto sortirà gli effetti che sortirà, perchè chi sbaglia ne paga le conseguenze. E su questo c'è poco da dire, è palesemente un errore".