Commenta per primo
Non è forse la partita dell’anno ma sicuramente ci va vicino. E’ il Derby con la D maiuscola, quello tra due rivali che si incontrano nuovamente in Serie A dopo 49 anni. Quanto sia attesa la partita della prossima domenica fra Bologna e Spal è sottolineato da un dato incredibile: biglietti della Curva ospiti esauriti in nove ore, stadio Dall’Ara pieno con oltre 27.000 presenze allo stadio.

“Coloratevi di rossoblù” è l’appello di tanti tifosi felsinei, vogliosi di continuare il cammino positivo intrapreso con le ultime due vittorie consecutive in trasferta. E in un clima di entusiasmo generale, quale occasione migliore se non la gara contro i rivali storici ferraresi per ottenere i primi tre punti dentro le mura amiche? L’ultima volta che Bologna e Spal si sono incontrate è stato nel 1994: 2-0 per la squadra rossoblù e appuntamento alla prossima occasione. La quale, appunto, è fra meno di cinque giorni. 
 
D’altronde, chi vive il calcio sa quanto siano particolari e diversi i derby rispetto alle altre partite. Si gioca per il presente, per il passato, per la voglia di rivalsa. Si gioca per la gloria, per dimostrare di essere migliori. Lungo l’A13 saranno tanti i pullman che percorreranno la strada in direzione Bologna ma il popolo rossoblù, da sempre vicino ai propri colori, non si farà trovare impreparato e così la squadra di Roberto Donadoni.
 
Come deciderà però di scendere in campo il tecnico bergamasco non è ancora del tutto chiaro: mentre si aspettano gli ultimi ritorni dalle Nazionali (il Bologna ha visto partire ben 8 giocatori, ndr), la squadra ha ripreso oggi ad allenarsi per preparare al meglio questa importante e delicata sfida. Sarà il giorno del rientro di Mattia Destro dal primo minuto? Donadoni ci ha sorpreso molto in questo campionato, cambiando spesso moduli ed interpreti. Nel caso, dovrà farsi trovare pronto, voglioso e determinato: un gol in questa partita varrebbe doppio…