Commenta per primo

Arrivano i primi verdetti degli ottavi di finale di Brasile 2014. Il Brasile contro il Cile non brilla ma trova comunque la strada per continuare il cammino della competizione. Neymar e compagni trovano il vantaggio al 18' con David Luiz ma i cileni riportano la situazione in parità al 32' con Alexis Sanchez. Da qui la gara continua con equilibrio fino al 90'. Ai supplementari la traversa di Pinilla fa tremare tutto il Brasile ma i verdeoro, con due parate di Julio Cesar, se la cavano ai rigori. 

Dopo aver battuto l'Italia, l'Uruguay viene fermato dalla Colombia che grazie a una doppietta di James Rodriguez, primo gol da cineteca, arriva al novantesimo forte del vantaggio per 2 a 0 e vola ai quarti di finale. 

L'Olanda rischia contro un Messico trascinato ancora una volta dal portiere Ochoa. I centroamericani trovano il vantaggio al 48' con Giovani Dos Santos e giocano al mantenimento del risultato. Il pareggio arriva all'88' con una bordata da fuori area di Sneijder e la beffa non si fa attendere. 6 minuti dopo (al 94') l'arbitro Proença fischia rigore su un fallo subito da Robben: Huntelaar dal dischetto non sbaglia e gli Orange conquistano i quarti in extremis.
Si decide ai rigori la sfida tra le outsiders Grecia e Costa Rica dopo il l'1 a 1 registrato al 90° minuto. Gli ellenici trovano il pareggio solo al primo minuto di recupero del secondo tempo ma ad avere la meglio sono i costaricani che non sbagliano neanche un rigore e forti della parata di Navas su Gekas conquistano un posto ai quarti di finale.