27
"Il miglior giocatore spagnolo". Parola di Vaya Ballabriga, uno che di talenti se ne intende. Per intenderci è uno degli scout più apprezzati del Barcellona, uno che ha scoperto ragazzi del calibro di Ansu Fati e Andres Iniesta. Le parole in questione si riferiscono a Bryan Gil, trequartista classe 2001 che sta facendo grandi cose con la maglia dell'Eibar. Un gioiello che fa gola alle big di Spagna. E non solo. Paragonato a Neymar, il Beatle di Barbate, soprannome che deve alla chioma che ricorda quella dei celebri cantanti di Liverpool, è legato da un filo invisibile al Siviglia, del quale è tifoso. Che potrebbe indirizzare il suo futuro.

LEGAME - Cresciuto nel mito di Jesus Navas, entra a 10 anni nel settore giovanile del club andaluso, facendo il suo esordio in Liga il 6 gennaio 2019  (al 93' della partita con l'Atletico Madrid entrando al posto di Ben Yedder). Quest'anno, in prestito nel nord della Spagna, ha fatto il salto di qualità, segnando 3 gol e fornendo 3 assist. Giovane, di grande talento, Gil è uno profilo da Milan, che ha il suo nome sul taccuino, ma difficilmente lascerà la Spagna.
PIANO MONCHI - Il Barcellona ci sta pensando seriamente, ma il Siviglia, proprietario del cartellino non intende farsi sorprendere. Monchi a giugno vuole riportarlo a casa, vuole rinnovargli il contratto in scadenza nel 2023 di due anni, fino al 2025, alzando la clausola da 35 a 150 milioni. Gil, però, è stato chiaro, torna solo per giocare, per sentirsi protagonista. L'estate è lontana, ci sarà modo per parlare e per capire, ora contano solo l'Eibar e una salvezza da conquistare.