162
Gigi Buffon dice addio e non più arrivederci. Ma lascia solo la Juve, non il calcio. Tre anni fa sembrava davvero vicino al ritiro, poi è arrivato il PSG e il resto è storia. Oggi invece l'ipotesi di appendere i guantoni al chiodo è solo l'ultima. Il portiere più forte di tutti i tempi, infatti, si sente ancora motivato quanto basta per andare avanti. A 43 anni è ancora pronto a dire la sua, pure ai massimi livelli. Tanti club sono già arrivati a bussare alla sua porta, molti di più ne arriveranno. 

IN ITALIA - Solo suggestioni per ora le ipotesi per il Buffon tifoso. Il Parma rappresenterebbe una chiusura del cerchio particolarmente romantica, ma la retrocessione in serie B sembra spazzare ogni illusione per i tifosi gialloblù. Così come non c'è ancora nulla sulla via del Genoa, la squadra del cuore di Buffon come dichiarato in più di un'occasione. E i bookmakers non dimenticano gli attestati di stima ricevuti dalla tifoseria della Lazio. Concreta piuttosto è l'idea dell'Atalanta, la scorsa estate proprio dai bergamaschi era arrivata una proposta che ha fatto vacillare Buffon, prima della decisione di restare alla corte dell'amico Andrea Pirlo in questa delicata stagione: anche per questo si sarebbe aspettato di giocare di più, Gigi. Ed è tutt'altro che da escludere un rilancio della stessa Atalanta.
IN EUROPA - Il telefono di Silvano Martina è destinato a squillare senza sosta nelle prossime settimane. Sondaggi ne sono già arrivati praticamente da ogni parte d'Europa, senza dimenticare Stati Uniti ed Emirati Arabi. Sembrano fare sul serio per ora soprattutto Monaco e Galatasaray: entrambe stanno ancora inseguendo la qualificazione in Champions, molto potrebbe dipendere proprio da questo fattore. Ma non c'è lega senza almeno un club pronto a mettersi in coda per Super Gigi. E dal Portogallo, in passato, sia Porto che Sporting Lisbona aveva già tentato la corte nei confronti del portierone bianconero. Che intanto si prepara alle ultime quattro partite con la Juve, due saranno vissute tra i pali e non in panchina: subito contro il Sassuolo, poi in finale di Coppa Italia.