La sensazione è di aver fatto un capolavoro. Marotta e Paratici ne sono convinti, perché quando hanno prenotato Mattia Caldara dall'Atalanta un anno e mezzo fa immaginavano di aver preso un talento ma non avrebbero potuto aspettarsi le offerte arrivate in queste settimane alla Juventus per rivenderlo... prima ancora di indossare la maglia bianconera. Presentato ufficialmente e subito protagonista con personalità, Caldara è un giocatore che la Juve non ha nessuna intenzione di vendere e per cui lo stesso Max Allegri stravede.
Ma non è l'unico...

QUANTE OFFERTE - La prima proposta in ordine di tempo è stata del Paris Saint-Germain, pronto a investire solo qualche settimana fa anche oltre 30 milioni per avere il difensore che ha brillato in questi anni nell'Atalanta: immediatamente respinta. A Parigi hanno cambiato obiettivo, in questi giorni però il Borussia Dortmund tramite intermediari si è fatto vivo a Milano da Paratici per mettere sul tavolo 35 milioni più 5 di bonus per Caldara: la Juve ha rifiutato ancora, no a una plusvalenza e tanta voglia di godersi il proprio nuovo centrale, convinti di avere il futuro della Nazionale in casa. Lo stesso messaggio recapitato al Chelsea che in questi giorni è arrivato a 30 milioni per Mattia come alternativa a Rugani, la proposta portata da Ramadani alla Juve è stata subito rifiutata, Sarri ha capito che è più fattibile la pista Rugani rispetto all'ex Dea. Caldara non si tocca, a Torino ne sono sicuri.