Commenta per primo

Affare Capello, l'ora delle smentite. Quanto attendibili, solo il tempo dirà. Perché già quella arrivata poco meno di un mese fa sul sito ufficiale del Bologna calcio e riguardante Daniele Portanova è stata poi smentita da quanto accaduto in seguito. Si parlava allora di un forte interesse del Genoa per l'allora capitano del Bologna. 'Nota del Presidente Albano Guaraldi. Rientrato in sede, desidero intervenire in merito ad alcune voci giornalistiche emerse nei giorni scorsi. Daniele Portanova non è sul mercato. Il calciatore ha un contratto in corso fino al 30 giugno 2015: ogni situazione legata ad un futuro successivo a tale data sarà verificata nei modi e nei tempi che stabiliremo con il giocatore', scrisse il massimo dirigente del club emiliano. Peccato però che il 30 gennaio successivo sia stato ufficializzato il suo passaggio al Genoa e che nei giorni precedenti il giocatore, voluto fortemente dal presidente Preziosi, abbia firmato il suo nuovo contratto con il Grifone fino al 30 giugno 2016. Affare fatto, quindi, non senza contestazioni da parte dei tifosi emiliani al centro sportivo di Casteldebole e polemiche varie tra i protagonisti.

Portanova al Genoa, in cambio di cosa? Le due società si sono mantenute sul vago. La versione più accreditata è che il passaggio di Portanova comporti uno sconto sul riscatto di Gilardino. Ma si fanno sempre più insistenti le voci riguardo a un'opzione ottenuta dal Grifone per Alessandro Capello, attaccante classe ’95, considerato uno dei migliori talenti a livello italiano, tanto da aver già esordito in prima squadra durante un match di Coppa Italia.

(Il Secolo XIX)