Il nuovo ct della Nazionale italiana arriverà dalla Russia: almeno così la pensano i lettori di Calciomercato.com che, rispondendo a un apposito sondaggio su chi vorrebbero sulla panchina degli Azzurri dopo il Mondiale di Brasile 2014, hanno votato prima Fabio Capello (25%) e poi Luciano Spalletti (20%).

Sul terzo gradino del podio si piazza Roberto Mancini, che col 15% delle preferenze precede Antonio Conte (12%). Per il 10% Abete dovrebbe convincere Prandelli a restare, mentre non raccolgono troppi consensi le candidature di Massimiliano Allegri (8%), Devis Mangia e Alberto Zaccheroni (5%).

CLICCA QUI PER PARTECIPARE AL NUOVO SONDAGGIO SULLA SQUALIFICA DI BALOTELLI


Fabio Capello tira le orecchie a Mario Balotelli. Il ct della Russia ha dichiarato in un'intervista ai microfoni di Fox Sport: "Penso che la sua espulsione sia derivata dall'amarezza per aver sbagliato il calcio di rigore. E' migliorato come giocatore, ma sono d'accordo con Allegri: non si può parlare in questa maniera all'arbitro. Per me Higuain è meglio di Cavani e il Napoli è in corsa per lo scudetto, ma la Juve resta la squadra da battere anche perché Tevez è un guerriero che corre e fa gol". 

"Rudi Garcia ha ragione quando dice che per i giocatori romani (Totti, De Rossi e Florenzi, ndr) è stato meglio giocare il derby di pomeriggio e non di sera, in modo da spendere meno energie mentali nel prepartita. La Roma ha una squadra competitiva da tre anni, ma per motivi diversi non è mai riuscita a esprimersi al massimo.

L'allenatore francese sta facendo molto bene ed è riuscito a ridare orgoglio alla squadra, adesso tutti i giocatori si aiutano in campo". 

"Nell'ultima stagione sono stato contattato dalla Roma e da tante altre squadre importanti, ma ero già sotto contratto con la Russia. Fossi stato in De Rossi, me ne sarei andato al Manchester United per cercare di andare in un club dove l'ambizione è molto elevata. Qualche mese fa Moyes mi aveva chiesto un parere su di lui, un parere che non poteva che essere positivo. Insieme a Baggio e Del Piero, Totti è il più grande numero 10 del calcio italiano, ancora oggi è determinante in campo".