45
Cavani alla Roma. Una voce di mercato che inizia a circolare sempre con maggiore insistenza nella Capitale, un'indiscrezione che si arricchisce di nuovi particolari e con strani incroci che collegano l'Uruguay, paese di provenienza del Matador, e gli Stati Uniti, terra dell'attuale e probabilmente del futuro proprietario del club giallorosso. Ma è tutt'altro che scontato che sia Dan Friedkin l'erede designato dell'attuale patron romanista, perché tra le ipotesi alternative spunta una misteriosa cordata a stelle e strisce, rappresentata dalla figura di Gaston Fernandez.

OFFERTA UFFICIALE - Intermediario che, secondo quanto anticipato nei giorni scorsi dalla stampa uruguaiana, è il vero garante dell'operazione che porterebbe Cavani ad indossare la maglia della Roma dopo la conclusione della straordinaria avventura al Paris Saint Germain, lasciato come miglior cannoniere nella storia del club con 200 in 301 partite. "C'è un'offerta ufficiale per Cavani. Mi hanno contattato per inviare una proposta formale a Walter Guglielmone (fratello e rappresentante del giocatore) e se quel gruppo acquisisce definitivamente la Roma, vogliono Edinson nella squadra. Sapevano che sono un uomo vicino a Cavani e che gli parlo di altre cose, perché il suo rappresentante rimane il fratello Walter, ma mi hanno chiamato, mi hanno detto di sondare questa possibilità, mi sono assicurato che fosse qualcosa di serio e così l'ho girato a Guglielmone", ha dichiarato Fernandez a Ovaciòn.
E DZEKO? - La Roma metterebbe sul piatto un contratto triennale a cifre congrue col valore del calciatore - che a Parigi percepiva 12 milioni di euro netti a stagione - contando sugli effetti benefici del Decreto Crescita, che offre una tassazione più vantaggiosa per i lavoratori, e quindi i calciatori, che hanno già avuto esperienze in Italia ma che hanno risieduto all'estero negli ultimi anni. A quel punto, sarebbe tutto da scrivere il futuro in giallorosso di Edin Dzeko, un anno in più di Cavani sulla carta d'identità e un contratto che peserà sulle casse giallorosse per circa 30 milioni di euro lordi fino a giugno 2022. Con Inter e Juve sullo sfondo, in attesa di sviluppi. Roma-Uruguay-Stati Uniti, un triangolo dai contorni misteriosi per dare concretezza alla suggestione di mercato che ha come protagonista il Matador.