Commenta per primo
L'ipotesi che Giulio Gallazzi possa presto tornare alla carica per acquisire il pacchetto di maggioranza del Genoa è una voce che di fatto non ha mai spesso di circolare, fin da quando Enrico Preziosi ha dichiarato conclusa la trattativa con l'uomo dei fondi a fine settembre.

Lo stesso manager bolognese, del resto, ha più volte affermato in queste settimane la sua disponibilità a riprendere il discorso da dove era stato interrotto. Una possibilità che secondo Repubblica-Genova si fa di giorno in giorno più concreta, anche e soprattutto per mancanza di offerte alternative credibili giunte sul tavolo dell'attuale numero uno rossoblù.

Pur di giungere ad una felice conclusione dell'operazione, Gallazzi ed il gruppo di imprenditori da lui capitanati potrebbero lasciare un ruolo di rilievo all'interno della società per Preziosi, lasciando però sostanzialmente invariata l'offerta di circa 120 milioni già proposta in prima battuta.

Il difficile compito di ricucire una trama ormai sfilacciata spetterà ancora una volta a Beniamino Anselmi, colui che in caso di cessione del club ne diverrà il nuovo presidente. Anselmi, oltre ad essere un uomo di fiducia di Gallazzi, può vantare anche una profonda stima da parte di Preziosi. Sè che qualcuno che può riaprire uno spiraglio non può che essere lui.