141
Seconda giornata di Champions League, ma già fondamentale. L'Atalanta di Gian Piero Gasperini alle 21 pareggia 2-2 contro l'Ajax di Erik ten Hag: match giocato a Bergamo, al Gewiss Stadium, per la prima volta nella storia, purtroppo senza tifosi, e deciso dalle reti di Tadic su rigore, del giovanissimo Traoré e dalla doppietta del solito Zapata, che rimonta gli olandesi nella ripresa. I nerazzurri, dopo la facile vittoria ottenuta in Danimarca contro il Midtjylland e gli alti e bassi in Serie A con le sconfitte contro Napoli e Sampdoria, rimandano al ritorno lo snodo fondamentale della competizione: tra bergamaschi e olandesi si deciderà infatti chi sarà la seconda forza del Gruppo D, dietro al Liverpool di Klopp, e chi probabilmente passerà agli ottavi, lasciando l'altra in Europa League. Questa sera l'Ajax è apparsa nettamente migliore dal punto di vista del gioco proposto, con ten Hag meglio di Gasperini. Due filosofie di società e di gioco molto simili a confronto: grande fiducia nei giovani e un'impostazione atta a dominare la partita, che le ha portate ad essere le più belle sorprese degli ultimi due anni, con la Dea che ha raggiunto i quarti di finale e i Lancieri addirittura la semifinale. L'Ajax non perdem dopo il ko nella prima giornata con i Reds, e si conferma in forma dopo la clamorosa vittoria per 13-0 in Eredivisie, contro il VVV Venlo. L'altra gara del girone ha visto proprio Salah e compagni sconfigere ad Anfield il Midtjylland, sempre alle 21. ​