20

Brutto episodio ieri sera nella semifinale della Coppa di Lega inglese tra Swansea e Chelsea, finita 0-0 e con la qualificazione dei gallesi. Al 33' del secondo tempo il belga Eden Hazard è stato espulso per aver aggredito e colpito con un calcio un raccattapalle che stava ritardando l'ingresso del pallone in campo. Il ragazzo è finito a terra visibilmente dolorante e il calciatore è stato immediatamente cacciato dal campo. Lo Swansea giocava in casa e aveva vinto all'andata per 2-0, così Hazard, con soli 12 minuti a disposizione per tentare di arrivare almeno ai supplementari, si è irritato per il comportamento del 'ball boy' dello Swansea che cercava di perdere tempo e lo ha colpito. Il Chelsea, attraverso un comunicato sul social network Twitter, ha immediatamente stigmatizzato il comportamento del suo giocatore.

Lo stesso Hazard ha poi spiegato: "Chiedo scusa, volevo colpire il pallone e non il ragazzo. A fine partita ho parlato con lui negli spogliatoi, mi sono scusato, anche lui lo ha fatto e è finito tutto lì".