149
Partiamo da una frase, secondo me cruciale, pronunciata da Allegri subito dopo la sconfitta col Sassuolo: “Bisogna segnare di più, altrimenti se non si fa gol le partite non si vincono”. Detto dal teorizzatore del “corto muso”, che può anche andare bene in determinate circostanze, ma non può diventare la regola. Soprattutto quando gli avversari  sanno andare in gol meglio e più di te.

L’attuale Juventus, orfana di Ronaldo in grado di assicurare da solo circa una quarantina di marcature a stagione, ha realizzato finora (tra campionato e coppa) 19 reti. I suoi quattro attaccanti appena 9 (Dybala 4 di cui 2 su rigore , Morata 3, Kean 2, Kajo Jorge 0) e infatti nessuno di loro figura nella top-10 della classifica marcatori del campionato. Non a caso il reparto avanzato di Madama è il peggiore non solo delle prime 7 squadre in classifica, ma anche di qualcuna che al momento le sta dietro. Tipo l’Hellas Verona, con 22 reti realizzate, prossimo avversario in campionato. 

CONTINUA A LEGGERE SU ILBIANCONERO