21
Sinceramente è un'edizione di Europa League in tono minore. Nel senso che il Manchester United, una delle big d'Europa, acchiappa l'intero pronostico che spetta alla più forte; poi Ajax e Roma Roma o Ajax fanno da giuste vallette, anche se arrivano al doppio confronto con qualche serio problema. E niente più. Indicare una quarta squadra vincente il trofeo a questo punto della competizione non è difficile, è impossibile. Perchè l'Arsenal, nome pesante rimasto in corsa, non sembra minimamente la squadra che ricordiamo battagliare ai livelli più alti del continente. Ogni tanto qualcuna la azzecca, ogni tanto qualcuna forte la batte o anche solo la azzanna, tanto altro non si vede. Decimo posto in Premier League dietro gente come Aston Villa e West Ham? La dice lunga sulle attuali condizioni dei Gunners. 

Andiamo nel dettaglio della serata. Il pronostico che più sento mio in questa andata dei quarti di finale è quello della Roma. Che, tiratasi fuori a colpi di risultati negativi dalla volata Champions in campionato (arrivare nelle prime quattro sembra troppo tosta), deve riversare forze orgoglio e passione su queste cinque gare che, nel migliore dei casi, restano da giocare per alzare questo trofeo e mettere i piedi nella futura Champions. Ma è molto molto dura. Perchè giocatori scarichli come Dzeko, al rientro da un infortunio come Veretout sono valori aggiunti pesanti. Se funzioneranno sarà un bene anzi benissimo, se saranno sghimbesci il piatto andrà giustamente dalla parte degli olandesi. Ventiquattro partite senza sconfitte (dopo l'Atalanta), si presentano però col giovane terzo portiere, smarriti i primi due (l'ex Stekelenburg non dovrebbe farcela). Senza l'infortunato Blind, una certezza, e senza il bomber Haller che non è in lista per giocare l'Europa (sic!). 

Non vedo la partita a scacchi, vedo molto movimento. Con Tadic lì davanti, motore pensante di ogni offensiva dei lanceri, quando fa gol non fa assist e quando fa assist non fa gol. A meno che non sia in serata devastante. La Roma deve tenere i piedi dentro la competizione e quindi segnare in trasferta. Nessuna altra cosa sarebbe migliore di quella, nemmeno quel ravanello pallido che è lo 0-0. Il gol/over è il marchio del match. 

A volo d'uccello le altre tre e le preferenze. All'Emirates Stadium di Londra, tempio dell'Arsenal, piove un rivale decisamente difficile da maneggiare. La cosa certa è che si trova alla grande in trasferta e questo potrebbe spaventare un avversario che si presenta con due sconfitte su due (ogni competizione) nelle due casalinghe più recenti. Vado con la doppia esterna nel primo tempo. 

La Dinamo Zagabria trovò la stessa serata della Roma di Di Francesco con il 3-0 al Barcellona di Messi e Suarez. Facendo secchi Mourinho e il Tottenham con gli stessi tre gol. Con il Villarreal sarà partita completamente diversa, si prende il via dallo zero a zero del fischio d'inizio e ai padroni di casa potrebbe anche star bene non lasciarlo muovere troppo. Spagnoli favoriti ma di fronte a una difesa che solitamente sa sbrigare il lavoro con cura. 

Quarto incontro della serata quello che riguarda i grandi favoriti del Manchester United. Il Granada? Mai fidarsi degli spagnoli che hanno eliminato il Napoli. Ma se quel doppio confronto si giocasse ora, Gattuso sistemerebbe le carte sotto al loro braccio e li spedirebbe a casa. Nessuno farà passi per scoprirsi troppo: la combo X2/under 3,5 non porterà l'oro sul tavolo di casa nostra ma sembra una discreta assicurazione sulla vita. 

PS Quota supernana trattandosi di una quaterna. Ma da questi quattro pronostici potrete prendervi il meglio rischiando con quello che più piace a voi. L'intento è questo. 
I CONSIGLI DEL GIOVEDI'

Ajax-Roma gol/over (quota 1,70)

Arsenal-Slavia Praga X2 primo tempo (1,62)

Dinamo Zagabria-Villarreal under 2,5 (1,67)

Granada-Manchester United X2/under 3,5 (1,48)

La quaterna vale 6,80 volte la posta