Commenta per primo

163 centimetri di altezza, passaporto argentino, sinistro che incanta. Tre indizi che sembrano portare a Lionel Messi, ma non è così. Il giocatore in questione è due anni più giovane (1989 contro 1987), non ha la classe della pulce argentina, ma con otto gol è stato uno dei talenti dell'ultima Liga. Il suo nome è Pablo Piatti, trequartista brevilineo di proprietà dell'Almeria e desiderio dei club di mezz' Europa.

Lanciato nell'Estudiantes dal Cholo Simeone, ai tempi  del pincha veniva soprannominato il Messi de La Plata, per la somiglianza fisica e di gioco con il fenomeno del Barcellona. Come Messi, anche Pablo Piatti ha vinto un mondiale under 20, nel 2007 in Canada, e ha trovato la sua consacrazione nella Liga spagnola. Complice la retrocessione in Segunda dell'Almeria, Piatti quest'estate lascerà l'Andalusia. Su di lui, che ha passaporto italiano, si sono già mossi Udinese (per il dopo Sanchez), Fiorentina, Palermo, Atletico Madrid, Lille, Wigan, Wolfsburg e Arsenal. L'asta parte da otto milioni, ma per Piatti ne vale davvero la pena.