Commenta per primo
Quindici minuti nel delirio e l'Empoli viene spazzato via da un Cagliari in forma smagliante. Riesce praticamente tutto alla squadra di Zeman, che esce dal "Castellani" con un 4-0 pesantissimo ai fini della classifica in uno scontro diretto per la salvezza. Accade tutto tra il 30' e il 45' del primo tempo, quando i rossoblù riescono in un'impresa simile a quella già realizzata a San Siro. Contro l'Inter finì 4-1 per i sardi al termine del primo tempo; contro la formazione di Sarri il tabellone luminoso, al termine dei primi 45 minuti, recita addirittura un perentorio 0-4. Nella prima mezzora la partita sembra piuttosto equilibrata e l'Empoli, che schiera a sorpesa titolare Tavano al posto di Pucciarelli, riesce a controllare efficacemente la manovra degli uomini di Zeman. Al 30' l'episodio che muta radicalmente il match: Sau riceve sul vertice sinistro, aggira Tonelli e calcia sul palo più lontano, laddove il portiere toscano Bassi non può arrivare. Il Cagliari va in vantaggio e affossa moralmente la squadra toscana che non riesce più a rialzarsi ed è costretta ad assistere all'incredibile fiera del gol dei rossoblù. Tra il 36' e il 38' gli uomini del boemo vanno in gol altre due volte. Prima è il terzino brasiliano Avelar, il migliore in campo, a eseguire una parabola perfetta su punizione dai 25 metri che s'insacca nel "sette" alla destra di Bassi. Poi, due minuti dopo, Valdifiori atterra Ekdal in area. Per l'arbitro Pairetto è rigore: va sul dischetto di nuovo Avelar che punisce Bassi per la terza volta. L'Empoli è ormai sotto shock e prima di tornare negli spogliatoi fa in tempo ad assistere al terribile poker calato dagli ospiti. Al 45' lo svedese Ekdal dialoga bene con Cossu, entra in area facendo a fette l'immobile difesa azzurra e trova l'angolino basso con un perfetto diagonale. Sugli spalti il pubblico toscano è incredulo e stenta a credere alla clamorosa debacle della propria squadra. La ripresa è pura accademia e vale solo per le statistiche, tranne un paio di occasioni in cui prima Dessena e poi Farias potrebbero ulteriormente arrotondare il punteggio. Il Cagliari ottiene un'altra larga e preziosa vittoria esterna, mentre l'Empoli inciampa nel primo ko davvero pesante del suo campionato fin qui positivo.    

EMPOLI

L'allenatore dell'Empoli, Maurizio Sarri: "E' stata una gara equilibrata fino al primo gol del Cagliari. Poi la rete di Cossu ha cambiato completamente le cose facendo emergere tutte le nostre fragilità. E' mancata la nostra reazione caratteriale dopo il loro vantaggio e abbiamo mancato di compattezza tra i reparti. Oggi eravamo irriconoscibili e dobbiamo subito accantonare questa bruttta sconfitta fin dall'anticipo di martedì a Sassuolo, anche per rispetto verso il nostro pubblico che ha continuato a sostenerci di fronte a un ko casalingo così pesante". 
CAGLIARI

L'allenatore del Cagliari, Zdenek Zeman: "La partita non è stata così semplice come dice il risultato. Sono molto soddisfatto, abbiamo vinto su un campo dove finora tutti hanno fatto fatica. Siamo stati bravi a fare entrambe le fasi e devo, in particolare, elogiare il reparto arretrato. Anche se, quando non prendiamo gol, adesso direte che non siamo stati una squadra zemaniana. Adesso sotto con il Milan, con la stessa convinzione manifestata oggi".