Commenta per primo
E' stato un saliscendi di emozione quasi senza soluzione di continuità fra Fiorentina e Atalanta, con i viola pasticcioni e non impeccabili in difesa ma determinati a voler portare a casa i tre punti. Si mangiano le mani i lombardi, perché per quanto fatto, soprattutto sulla linea mediana, meritavano di portare a casa almeno un punto. Ci si aspetta lo spunto degli attaccanti, Mario Gomez da una parte e Denis dall'altra, e invece il primo tempo è caratterizzato dalle giocate di due difensori: Zappacosta e Basanta. Il primo, un classe '92 oggi schierato nell'inedito ruolo di centrocampista esterno a destra, anticipa Pasqual su un cross dalla sinistra che al 9' sorprende Tatarusanu (il quale che sbaglia l'uscita), e porta avanti l'Atalanta. Altri nove minuti e la Fiorentina pareggia: punizione dalla destra di Mati Fernandez e Basanta, anche lui di testa, anticipa la difesa bergamasca e fissa il punteggio sull'1-1. Più ospiti che padroni di casa nei 45' iniziali, con Cigarini e Carmona che hanno la meglio soprattutto su Badelj e Borja Valero, e con gli esterni di Colantuono che creano più di qualche grattacapo al duo Pasqual-Joaquin. Tatarusanu prova a rifarsi su un destro prima di Alejandro Gomez (14') e poi su uno di Zappacosta (44'), che dimostrano tutta la personalità dell'Atalanta nel voler portare a casa punti. A inizio ripresa Montella cambia schema ai suoi uomini: dal 3-5-2 al 4-3-3, con Diamanti che agisce dal fronte destro offensivo e si rende subito pericoloso per ben due volte, ma Sportiello è reattivo a respingere le conclusioni del trequartista pratese. Il secondo tempo sarà una sfida personale dell'ex anche di Bologna e Brescia con il numero 1 bergamasco sempre molto reattivo. Il muro dell’Atalanta crolla al 76' quando proprio il numero 18 gigliato semina la difesa ospite e batte di sinistro Sportiello. Sembra finita, invece Colantuono inserisce Boakye, ed è proprio quest'ultimo, bruciando sia Savic che Tomovic, a pareggiare (2-2). Finita? Macchè: Mati Fernandez semina il panico in area a 60'' dalla fine del tempo regolamentare e trova Pasqual sul secondo palo, 3-2 finale e tre punti fondamentali in cassa per la Fiorentina.

FIORENTINA

Il difensore della Fiorentina, Josè Maria Basanta: "Sono molto contento per il mio gol ma soprattutto per la vittoria. Ci tenevamo a vincere questa gara e a risalire la classifica, anche se non abbiamo giocato molto bene alla fine è stato importante portare a casa i tre punti. Dedico il gol a mia moglie, che è in attesa del nostro futuro figlio e spero che si ambienti bene, come ho fatto io, in questa città e con questi splendidi tifosi. Siamo un bel gruppo, chi è venuto qui si è ambientato subito, abbiamo formato un bello spogliatoio e anche i nuovi, come Diamanti, hanno dato subito il loro importante contributo".
ATALANTA

Il difensore dell'Atalanta, Davide Zappacosta: "Sono amareggiato perché penso che abbiamo fatto una grande partita e potevamo meritare il pareggio. Peccato davvero, perché avevo riagguantato il punteggio nei minuti finali e invece abbiamo pagato una delle poche distrazioni. Abbiamo dimostrato coraggio, buona volontà e credo carattere, ma non è bastato. La Fiorentina ha fatto una buona partita ma penso si sia vista soprattutto una buonissima Atalanta. Dispiace giocare così e non portare a casa almeno un risultato positivo che avrebbe reso più serena la nostra domenica".