Commenta per primo

È un periodo di grandi amarezze per il Latina che dopo la sconfitta nel derby conquista un solo punto in casa con l’Andria. La squadra di Pecchia sblocca il risultato al 22’ con un bel destro di Cottafava che sbuca sul secondo palo colpendo al volo di destro. Nella ripresa clamorosa la palla gol sciupata da Gerbo e subito dopo (al 78’) arriva la doccia fredda con il tiro deviato di Innocenti che batte l’incolpevole Bindi. L’Avellino supera in classifica la squadra nerazzurra, mercoledì si torna al Francioni per il ritorno di Coppa Italia contro il Lecce.

LATINA

L’allenatore del Latina Fabio Pecchia: ‘Difficile commentare questo pari, l’unico appunto che posso fare è quello di non aver chiuso la partita. Abbiamo fatto una grande partenza, con la giusta concentrazione, il giusto veleno. Ho visto nei ragazzi la rabbia giusta per poter ripartire, sicuramente ci darà una spinta importante per le prossime partite. Il gol subito? Si vede che doveva andare così: due rimpalli e un tiro deviato. Forse serviva più palleggio per addormentare la gara e recuperare energie ma si può far risultato anche in questo modo andando ad aggredirli. La panchina di Danilevicius? Faccio le mie scelte, Thomas è un professionista serissimo ed un giocatore importante che ci darà una grande mano in questo finale di stagione. Sono contento dalle risposte avute da chi è sceso in campo, volevo allungare l’Andria con la profondità e sono convinto di aver scelto la via giusta’.

ANDRIA

L’allenatore dei portieri Gianfranco Degli Schiavi (mister Cosco e il suo secondo Gioffrè squalificati): ‘Sul gol siamo stati bravi a sfruttare la ripartenza e il Latina era messo un po’ male. Abbiamo guadagnato terreno nella ripresa, per squadre come il Latina non è facile vincere quando dall’altra parte trovi una formazione messa bene che gioca a calcio. Non credo che sia stata la squadra di casa a venire meno ma l’Andria che è uscito fuori bene. Ho visto un grande Latina, con giocatori di qualità ma se oggi non si sono espressi al massimo darei merito alla mia squadra. Non dovevamo farli arrivare in area, siamo stati bravi specialmente nella ripresa sia tatticamente che atleticamente affrontando la gara con determinazione. Vogliamo raggiungere la salvezza senza passare per i playout, bisogna evitarli perché poi lì non è detto che chi merita riuscirà ad emergere’.