Commenta per primo
Finisce con i fischi di una curva spazientita, quella del Parma, che vuole parlare con Ghirardi e non con i giocatori, come a Bergamo. Il presidente rimane impietrito e non sa che pesci prendere. Incontra una fetta di tifosi che gli vomita addosso tutto il dispiacere, la delusione e la voglia di rivalsa nei suoi confronti, dopo che li ha lasciati da soli. Si becca gli insulti, assieme a Leonardi, ma tiene duro. Il 3-1 costerà caro a Donaodni? Vedremo, intanto c'è da digerire una sconfitta che vale doppia e che sotterra una squadra già ultima, da ora in ritiro. Non è serata, FantAntonio non trova i soliti guizzi. In mezzo al campo gente forte fisicamente, con Acquah e Mauri, c'è anche Lucas Sousa. La qualità sta dall'altra parte, con Missiroli, Berardi e Sansone pronti a innescare Floccari, che risponde presente al 19'. Il colpo di testa inchioda Mirante e Donadoni resta impietrito. I tifosi reagiscono, supportano, ma al 24', quando Lucarelli si fa bruciare da Acerbi, partono i cori di incoraggiamento, quelli forti, già ascoltati a Bergamo: “fuori le p…”, ma la reazione sta tutta in un tiro di Cassano deviato. Il secondo tempo comincia con un super gol di Taider, un sinistro che si insacca all'incrocio dei pali. Applaudito anche dalla curva Nord, sportiva al massimo. C'è Coda in attacco, in quello che è diventato un 4-4-2 con Acquah sulla destra e De Ceglie a sinistra. Reazione? Nemmeno un briciolo. E c'è da ringraziare Berardi che, sul 3-0, non segna il quarto, tutto solo davanti a Mirante. Il ruggito d'orgoglio ce l'ha Coda, con un sinistro impegna Consigli che si distende bene. Ma non può nulla al 78', quando Cassano appoggia in rete una palla sporcata da Consigli, non impeccabile sul crossi di Ghezzal. E Lucas va vicino al 2-3, con un tiro a giro fiacco che Consigli smanaccia. 

PARMA 
I tesserati del Parma non hanno voluto incontrare i giornalisti.
 
SASSUOLO

Il difensore del Sassuolo, Francesco Acerbi: "Abbiamo vinto una gara non facile, grazie alla tenacia di tutti. Abbiamo sofferto solo all'inizio, poi siamo usciti bene e ci siamo imposti. Floccari è stato bravo a sbloccare la gara, io mi sono ripreso e ho lottato per essere qua, per farmi trovare pronto bene e dedico il gol a me e al dottore che ho abbracciato. Non era facile ma ce l'ho fatta e ora voglio continuare così. Era importante vincere, abbiamo fatto un bel balzo avanti e ora ci godiamo il momento. Dobbiamo pensare a migliorare e a trovare la strada giusta".