72
Covid, l'inverno sta arrivando e non è una fiction.

Usa: quarantena per chi entra e mascherina obbligatoria. Brasile, un paese che è tutto un grande focolaio punteggiato di tizzoni-contagio: San Paolo, Manaus...Rio cancella Carnevale. In Francia Covid è negli ospedali, quello di Compiegne vicino Parigi ha contato 240 contagi nelle sue corsie. In Cina Covid riappare. Tokyo è in semi lockdown, Olimpiadi più no che sì. Governo inglese annuncia che variante inglese del virus è non solo più contagiosa ma anche più letale. Variante brasiliana e sudafricana sono studiate con affanno e inquietudine.

Da noi non va niente bene (nemmeno la raccolta e validazione dei dati della pandemia) ma va meno peggio che altrove. Vaccini scarseggiano.Meno peggio che altrove, però come altrove scarseggiano le dosi dei vaccini. Ne mancano ora e non saranno abbondanti per tutto l'anno. Vaccinare 70% della popolazione entro settembre era già ai limiti delle possibilità prima dei ritardi di produzione e consegna, ora è di fatto impossibile. Si slitterà di tre, quattro, cinque mesi. Il che vuol dire autunno-inverno 2021-2022 ancora di Covid. Ed estate 2021 ancora infetta

Mercati e Borse sentono puzza di bruciato.
Un fil di fumo da bruciato si alza dalla crisi italiana, politica e non solo. Mercati finanziari e Borse lo annusano. Temono Italia si impegni e si attorcigli in una campagna elettorale, temono la debolezza dei governi che Conte può mettere insieme. Soprattutto temono noi.
Zone immaginarie, autorità si sfarina.
Effetto collaterale (ma non per questo meno significativo) è lo sfarinarsi (ulteriore) della credibilità e autorevolezza del principio di autorità pubblica. Zone, colori, divieti, contro divieti, aperture, mezze aperture variano di settimana in settimana se non di giorno in giorno e variano di Regione in Regione e comunque vengono applicati un po' o un po' tanto, chissà e comunque sono contestati e comunque forzati, aggirati, ignorati, dribblati. Anche perché troppi, mutanti, contraddittori, forti in teoria, deboli nella pratica. Anche così si sfarina uno Stato.

A Bali invece...
A Bali il turista che non indossa la mascherina viene punito, sì punito, con flessioni da fare in strada e sotto il sole mentre poliziotto controlla sia eseguita la pena. Bali: troppo, decisamente troppo. Però più umanamente e civilmente qui da noi buttarlo un attimo fuori dal negozio quello che entra "un attimino" senza mascherina, perchè no? 

Pfizer e Astra Zeneca ritardano, quasi quasi...
Forniture di vaccini ritardano, quindi ritarda campagna vaccinale, quindi il calendario delle vaccinazioni slitta
. Dopo Pfizer ora anche Astra Zeneca fa sapere che produzione e forniture avranno inciampi e singhiozzi. Che nell'impresa logistica più grande mai tentata dall'umanità in campo sanitario e non solo non tutto filasse liscio era purtroppo prevedibile. Ma se vaccini occidentali ritardano, quasi quasi la Russia? Sputnik, il vaccino russo funziona? E ce n'è disponibile? Qualcuno ci sta pensando.

Conte non basta?
"Da tre anni Presidente del Consiglio un signor nessuno mai presentatosi in alcuna competizione elettorale, privo di qualunque immagine pubblica precedente, estraneo a qualunque affiliazione che potesse farne indovinare idee e valori....E, come esperienza ha dimostrato, proprio perciò disposto ad essere qualsiasi cosa, ad abbracciare qualunque punto di vista, a promuovere leggi le une contrarie alle altre...Parlamento: semianalfabetismo di tanti suoi membri, la loro miseria culturale, la penosa vanità, l'infantilismo argomentativo dei loro interventi...". Ernesto Galli della Loggia sul Corriere della Sera domanda: non basta tutto questo? No, la risposta è no, non basta per muovere altro che prediche accorate da editoriali dotti o livida, generica e generale guerra alla politica via social. Non basta perché siamo così. Conte non viene da Marte, anzi Conte piace e nessuno ha voglia di domandarsi o sapere Conte perché e perché Conte sia diventato la linea del Piave e Garibaldi. E il Parlamento, come i governi, questo Parlamento di "penosa vanità, miseria culturale, infantilismo argomentativo" è fatto a immagine e somiglianza della cosiddetta gente.