9
L’Inter è una società “spazzatura” per operatività, solvenza e liquidità, il Milan lo è altrettanto salvo per l’operatività che viene giudicata solo “sotto la media”, mentre la Roma è per tutti e tre i valori presi in considerazione semplicemente “sotto la media”. Nella nuova classifica che Standard & Poor’s IQ, una società del gruppo McGraw-Hill che si occupa di ricerche, ha stilato sul merito di credito delle principali società del calcio mondiale, la regina d’Italia è la Fiorentina di Diego Della Valle che supera di slancio anche la Juventus di Andrea Agnelli. I viola sono al “Top” per solvenza e “sopra la media” per operatività, anche se deludono un po’ (“sotto la media”) per liquidità: occupano il quattordicesimo posto della classifica stilata dalla casa di rating, i cui primi tre posti sono dominati rispettivamente da Ajax, Arsenal e Celtic con tutti i coefficienti al “Top”. La seconda delle italiane scrive il quotidiano La Repubblica è la Lazio di Lotito (15esimo posto) che incassa il giudizio “sopra la media per tutti e tre i parametri, mentre la terza è la Juve (16esima in classifica generale): i bianconeri con un fatturato di 398 milioni e debiti per 267 milioni sono “sotto la media” per liquidità, ma “sopra la media” per solvenza e operatività. Nessuna speranza quindi per le milanesi (Milan 35esima, Inter 44esima) e la Roma (37esima). Fanno meglio di loro anche Livorno (21esima), Udinese (22esima), Siena (23esima) e Palermo (40esima).
Nelle quarantaquattro società calcistiche passate in rassegna, mancano Barcellona e Real Madrid per la carenza di alcuni dati contabili. Il giudizio migliore, ottenuto scandagliando 24 voci di bilancio divise nelle tre macro-categorie (operatività, solvenza e liquidità), è andato alle prime cinque. Oltre alle tre già nominate, svettano il Manchester United (4) e il Sant Etienne (5), entrambe con tutti coefficienti al “Top”, seguite da Borussia Dortmund (6), Borussia Mönchengladbach (7), Bayern (8), Manchester City (9) e Tolosa (10). Tra lacune e un po’ di approssimazione, la classifica che utilizza parametri diversi da quelli che Standard &Poor’s Rating Service utilizza per società quotate, obbligazioni e Stati, promette comunque di aprire nuovi scenari di valutazione sul mondo del calcio. Di certo lancia un monito di allarme per Inter e Milan, valutate “Junk” (spazzatura): se fossero un Paese sarebbero al pari della Grecia e meriterebbero l’invio della Troika.