30
Bryan Cristante è stato uno dei rimpianti dei tifosi del Milan quando venne ceduto al Benfica. Correva l'estate del 2014 e con i soldi incassati dalla cessione del talento friulano il club rossonero chiuse il colpo Bonaventura. Un anno e mezzo dopo, la situazione si è completamente sbilanciata. Bonaventura gioca, segna e si guadagna il rinnovo da parte del Milan. Cristante, nonostante qualità innegabili, fa molta fatica a ritagliarsi uno spazio in prima squadra. Dieci minuti totalizzati in due incontri di Champions League, tanta panchina in campionato.  Troppo poco per sentirsi dentro al progetto. Secondo quanto appreso da calciomercato.com, il centrocampista e il suo entourage hanno avuto rassicurazioni da parte dello stato maggiore del Benfica nonostante lo scarso utilizzo. Cristante è stimato e negli ultimi giorni è stata comunicata la volontà di non mettere il giocatore sul mercato.

VOGLIA DI TORNARE - Cristante è a un bivio: chiedere la cessione in prestito o restare in Portogallo a sgomitare, facendo la spola tra prima squadra e Benfica B. Gli attestati di stima in Serie A non mancano di certo: Torino, Genoa e Sassuolo sono pronte ad accoglierlo a gennaio. Non trova conferme il presunto interessamento dell'Inter. Cristante ha bisogno di giocare con maggiore continuità, nonostante la volontà del Benfica.