"In finale sono arrivate le due migliori squadre del Mondiale". Così il ct della Croazia, Zlatko Dalic in conferenza stampa un giorno dopo lo storico successo sull'Inghilterra che ha aperto le porte della finalissima al team biancorosso. "Questa sarà la partita più dura per noi - ha aggiunto Dalic - contro l'avversario più difficile. La Francia è molto pericolosa nel contropiede, ma io sono stato un grande ottimista per tutto il torneo e ora i miei giocatori credono più di me", dice con un pizzico d'orgoglio il tecnico sulla panchina croata da 7 ottobre, poco prima del playoff contro la Grecia. Dalic spende poi due parole sulla forza "di squadra" dei biancorossi: "Messi per me è ancora il miglior giocatore del mondo, ma tutte queste squadre che hanno avuto nelle loro fila grandi fuoriclasse sono andate a casa molto presto, mentre quelle che si sono dimostrate compatte e battagliere e hanno giocato 'insieme' sono ancora in corsa nel torneo. detto questo, Modric per me sicuramente merita il Pallone d'oro". Reduce dal tour de force contro la Danimarca, la Russia e l'Inghilterra (tutte e tre le partite hanno avuto bisogno almeno dei supplementari), la Croazia - dice dalic - "è l'unica squadra che, considerati i minuti giocati, ha già disputato sette partite in questa Coppa del Mondo e domenica disputeremo l'ottava. Ovviamente si è trattato di un grande sforzo ma non inciderà sulla finale di domenica. Saremo pronti, anche perchè partecipi alla finale di un Mondiale una volta nella vita".