Calciomercato.com

  • Getty Images
    Da Banks e Zoff a Buffon, Dudek e Schmeichel:  le 10 parate simbolo

    Da Banks e Zoff a Buffon, Dudek e Schmeichel: le 10 parate simbolo

    • Angelo Taglieri
    "Sarò ricordato più per la parata su Pelé che per il Mondiale vinto". 
    Era il 7 giugno 1970: la leggenda brasiliano vola in cielo per colpire il pallone di testa, Gordon Banks in un attimo è a terra per respingere un pallone e abbracciare la storia. "La parata del secolo", questa la definizione di quel gesto tecnico mai andato giù a O Rey: "L'ho odiato più di ogni altro calciatore". Ma chi ama il calcio non può non amare il cinese, Gordon Banks.

    WORKING CLASS HERO
    - Campione del mondo nel '66, ha indossato le maglie di Leicester e Stoke, ma la sua carriera è legata indossolubilmente a quella della nazionale di sua Maestà. Carbonaio, giocatore saltuario la domenica, cambiò vita quando trovò un lavoro da apprendista muratore che gli permise di allenarsi due volte a settimana: working class hero per eccellenza. Scomparso oggi a 81 anni, resterà per sempre nella storia del calcio. E, in suo onore, per ricordarlo ancora una volta, la classifica di CM di questa settimana è dedicata alle 10 parate icona. Non sono state scelte solo quelle esteticamente più belle  (una sola eccezione, Higuita. Quella "dello scorpione" è la sua parata) , ma è stata presa in considerazione anche l'importanza del match, la cornice, dove e quando, l'avversario. Al primo posto non ci sono dubbi.
    7 giugno 1970, Banks su Pelè. 

    @AngeTaglieri88

    Altre Notizie