Commenta per primo
Sosta delle nazionali messa nel cassetto fino a novembre e riflettori che tornano (finalmente) ad illuminare la Serie A. Ci aspetta un week-end interessante, ricco di contenuti e contenuto: la pausa, però, ha consegnato alle infermerie delle nostre squadre parecchi giocatori fuori condizione. C'è chi è acciaccato e chi, invece, è costretto a un lungo stop. Infortuni fanno rima con emergenza e costringono gli allenatori a puntare sulle cosidette riserve. Ad iniziare dall'Olimpico di Roma: Lazio-Atalanta apre l'ottava giornata e Gasperini deve rinunciare a Duvan Zapata, uno capace - sin qui - di mettere insieme 6 gol in 7 presenze. Al suo posto ecco il connazionale Muriel, alla seconda gara da titolare in campionato.

FOCUS ATTACCANTI - Alle 18, il Napoli ospita il Verona: Ancelotti non potrà contare su Lozano, non convocato: al suo posto, là davanti, ecco Arkadiusz Milik a far coppia con Dries Mertens. Una ghiotta chance per il polacco, spesso osannato da De Laurentiis e Ancelotti, ma mai veramente protagonista. L'arrivo di Llorente, infatti, gli ha tolto parecchio minutaggio, come confermano le sole due presenze in campionato - anche a causa infortunio - di cui una da subentrato. La questione attaccanti vale anche in casa Roma: domenica, a Marassi, Fonseca dovrà fare a meno di Edin Dzeko. Punta centrale sarà allora Nikola Kalinic, alla ricerca della prima rete nella seconda avventura italiana: per lui, sin qui, solo 31' totali in Serie A.

GIOVENTÙ CHE AVANZA - L'elenco però non finisce qui: Gagliardini ha un'occasione d'oro visto l'infortunio di Sensi, Bernardeschi sarà titolare dopo il prolungato stop di Douglas Costa, Conti cercherà di sfruttare la squalifica di Calabria, mentre Conte e Andreazzoli sembrano intenzionati a dare una chance dal 1' a Favilli e Bastoni. Gioventù che avanza, riserve che vogliono essere protagoniste: alcuni infortuni, dopo questo week-end, potrebbero aver regalato piacevoli sorprese