827
La Juve inizia a preoccuparsi. Nell’ambito dell’inchiesta Prisma, tra i rischi potenziali i bianconeri sono esposti alla possibilità di "sanzioni, esclusione o limitazione all'accesso alle competizioni sportive" della Uefa, "in ragione degli sviluppi del contenzioso relativo" alla Superlega ma anche a "nei casi più gravi, di non essere in grado di partecipare alle competizioni nazionali e/o europee" in caso di mancato rispetto dei requisiti del fair play finanziario e delle licenze Uefa. Si tratta di punti esplicitati nella relazione finanziaria al 30 giugno 2022, pubblicata dal club.

RISCHI POTENZIALI - La relazione finanziaria riporta i rischi potenziali per informare il mercato. La società ha spiegato che "la Juventus resta convinta di aver operato nel rispetto delle leggi e delle norme che disciplinano la redazione delle relazioni finanziarie, in conformità agli applicabili principi contabili e relativi criteri di applicazione e in linea con la prassi internazionale della football industry". Nonostante ciò la società "rimane esposta a potenziali impatti negativi, anche significativi, sulla reputazione nonché sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell'emittente e del gruppo". Un apposito paragrafo è dedicato ai "rischi connessi all'ordinamento sportivo e al mancato rispetto dei parametri di Financial Sustainability Uefa e degli indici stabiliti dalla Figc".
REGOLE DA RISPETTARE - La Juventus ha inoltre ricordato di operare in un quadro normativo "è complesso" e che "è soggetta al rispetto dei regolamenti della Lega Serie A, della Figc, della Uefa e della Fifa". "Tali norme e regolamenti coprono vari aspetti dell'attività, quali l'organizzazione delle competizioni, requisiti e limiti al tesseramento dei calciatori, nonché alcuni aspetti del loro rapporto di lavoro con le società calcistiche professionistiche, la gestione della campagna trasferimenti e la distribuzione dei proventi da diritti audiovisivi. La violazione o futuri eventuali cambiamenti di norme di legge, dei regolamenti della Lega Serie A, della Figc, della Uefa, della Fifa o di altri regolamenti ovvero improvvisi cambiamenti nell'attuale interpretazione della normativa vigente, possono incidere negativamente sull'attività della società, sulle performance della prima squadra e sui risultati economici del gruppo".