79
I tifosi lo hanno riempito di richieste e preghiere sui social: "Vieni alla Lazio, ti aspettiamo". David Silva prende tempo, riflette e valuta tutte le alternative prima di prendere una decisione. L’eliminazione dalla Champions League del Manchester City, ieri sera contro il Lione, sancisce la fine della sua esperienza in Inghilterra. Una parentesi ricca di successi ed emozioni, arrivata al capolinea. Capitolo Premier chiuso. Il futuro è tutto da decifrare e si decide adesso. Il trasferimento, a parametro zero, alla Lazio sembrava cosa fatta fino allo scorso giovedì. Contratto da 3,5 milioni di euro a stagione per quattro anni più bonus. Un accordo con tanto di autista e jet privato, una casa in centro e un’abitazione per il suo massaggiatore di fiducia, libero di entrare e uscire da Formello per le sedute di fisioterapia. Accortezze e benefit che non sono bastati a strappare il sì e la firma dello spagnolo. Le offerte faraoniche ricevute dall’Al-Sadd, squadra del Qatar allenata dall’amico Xavi, il corteggiamento del Valencia e l’ombra della Juventus sembrano aver fermato la mano di David, pronta a mettere nero su bianco l’accordo con la Lazio.

LE ULTIME - Trattativa sfumata? No, o meglio, non ancora. Non si è trattato di un ripensamento o di un dietrofront, ma di una richiesta di tempo da parte di Silva per riflettere ulteriormente. Del resto, il centrocampista 34enne, stella del calcio continentale, fa gola a parecchie squadre e vuole sfruttare al massimo l’ultimo accordo della sua carriera, almeno in Europa. La Lazio, da una parte, ovviamente non ha gradito il tentennamento dello spagnolo, soprattutto nelle tempistiche. Dall’altra, invece, qualcuno sostiene che il club capitolino, raggiunta un’intesa di massima, abbia giocato al ribasso, facendo indispettire uno dei due fratelli di Silva. Il ds Tare, dopo aver incontrato gli agenti di Silva a Roma nelle scorse settimane e aver chiamato venerdì al telefono il giocatore per convincerlo, ha dato un ultimatum: vuole una riposta entro questa sera. Se non dovesse arrivare, l’albanese è ha già in mente un piano b.