29
Josè Mourinho sta entrando sempre più dentro il mondo della Roma, studiandone pregi e difetti. L’obiettivo dello Special One é ambizioso: costruire una mentalità vincente. E il primo step passa dalla qualificazione alla prossima Champions League. Obiettivo ancora alla portata anche se non semplicissimo da raggiungere. Per riuscirvi servirà intervenire sul mercato per dare più alternative a una rosa qualitativamente buona ma con scarsa profondità. 

SFUMA DALOT - La prima criticità da risolvere è quella del terzino destro: Karsdorp è l’unico specialista in rosa. Jose Mourinho aveva indicato in Dalot il profilo preferito, Tiago Pinto si era attivato con gli agenti arrivando a un’intesa di massima. Ma l’arrivo di Rangnick sulla panchina del Manchester United ha spento ogni velleità: il manager tedesco crede nell’ex Milan e lo ha tolto dal mercato. È stato proposto Stryger Larsen ma non interessa, resistono le candidature di Pedersen del Feyenoord, Sarr del Bayern Monaco e Henrichs del Lipsia.
Ascolta "Doccia gelata per Dalot e Tolisso: Mourinho ha pronte due contromosse per una Roma da Champions" su Spreaker.

SCENDE TOLISSO - La Roma vuole accontentare Josè Mourinho con l’arrivo di un centrocampista che sappia abbinare una buona dinamicità a una abilità in fase di costruzione dell’azione. Non è andato a buon fine il tentativo per Tolisso del Bayern Monaco: il nazionale francese sembra destinato al Real Madrid. Il candidato forte è Grillitsch dell’Hoffenheim: può arrivare a costi molto accessibili essendo in scadenza di contratto nel prossimo mese di luglio.