96
Quell'immagine vale più di mille parole. Guarda lo smartphone, bacia la maglia, è commosso: Gianluigi Donnarumma a 17 anni vince il suo primo trofeo nel mondo dei grandi, nel calcio vero. E lo fa da protagonista assoluto, parando il rigore decisivo a un certo Dybala, dopo una partita in cui ha regalato diversi acuti. Ancora una volta, in vetrina c'è il gigante portiere del Milan che adesso aspetta di blindare il suo giovane migliore, il suo fiore all'occhiello. E lo farà con un nuovo contratto molto discusso e atteso, ma voluto in primis da Donnarumma. Mai come adesso.

GIGIO SPINGE - Il portiere rossonero ha dato massima disponibilità anche in questi giorni a discutere il suo rinnovo. Non ha pensieri d'addio, né lo distrae il corteggiamento dei top club come da rumors internazionali che lo accostano al Manchester City piuttosto che al Real Madrid. Donnarumma è un ragazzo intelligente, sa bene che in futuro potrebbe vestire la maglia di una di queste società, non esclude niente. Ma non sfiora neanche questo pensiero, al momento; perché il Milan gli ha dato spazio, gli ha consentito di inseguire e realizzare il suo sogno, ora vuole rinnovare e vestire ancora questa maglia di cui ama ribadire quanto sia tifoso. Non fa differenze tra proprietà cinese o italiana: vuole il Milan, ancora e più di sempre.
RAIOLA E IL MILAN - Adesso, la palla passerà a Mino Raiola che pretende di conoscere volto, progetti e idee della cordata cinese che vuole acquistare il Milan. Ma la spinta di Gigio è forte, di conseguenza Raiola farà di tutto per accontentarlo, con un ingaggio che può raggiungere cifre molto importanti. E' questo l'altro nodo da risolvere, appuntamento tra gennaio e febbraio, quando poi Donnarumma diventerà maggiorenne e potrà firmare il suo contratto. Ma il Milan ha deciso, proporrà un quinquennale a Gigio e ha intenzione di formalizzare tutto entro il prossimo mese. Forte della volontà del ragazzo, aspettando di dare garanzie a Raiola. Con Donnarumma pronto per essere ancora rossonero a lungo...