3
Mercoledì sera al Mestalla di Valencia andrà in scena la 110ª finale della Copa del Rey, la 111ª se si tiene conto anche della Coppa di Spagna Libera giocata nel 1937.

L'ALBO D'ORO - E per la settima volta nella storia di questa competizione l'atto finale vedrà di fronte le due squadre più blasonate di Spagna: il Real Madrid, che ha alzato 18 volte il trofeo, l'ultima delle quali proprio al Mestalla di Valencia nel 2011, in quella che è stata definita dai media spagnoli come la Finale più bella ed emozionante della storia di tutto il torneo, ed il Barcellona, che invece espone in bacheca addirittura i suoi 26 successi.

IL MOMENTO DEL BARCELLONA E IL MERCATO BLOCCATO - Il Barcellona del Tata Martino sta attraversando non solo il momento più duro di questa stagione, ma probabilmente quello più difficile da anni a questa parte. L'eliminazione in Champions League per mano dell'Atletico Madrid del Cholo Diego Pablo Simeone ha lasciato il segno e la successiva sconfitta in campionato contro il Granada ha evidenziato ancora di più i limiti di una squadra che solo due anni fa veniva definita in terra iberica come il “Mejor equipo de la Historia”. 

Nonostante un successo contro Bale e compagni garantirebbe ai blaugrana il secondo titolo stagionale dopo il trionfo di questa estate nel doppio confronto della Supercoppa Spagnola, il Tata Martino, dopo solo una stagione alla guida dei catalani, lascerà l'incarico. Troppo forti le critiche subite, il mister di Rosario in ogni caso darà l'addio al Barcellona. L'obiettivo numero uno della dirigenza del Barça è quel Jurgen Klopp che sta facendo così bene con il Borussia Dortmund. Quella che era solo una voce lanciata dal giornale Sport, ora, nonostante le smentite di rito, trova infatti sempre maggiori conferme e il carisma del tedesco sarebbe un medicinale fondamentale per la psicologia dei giocatori catalani, che ora vengono definiti bolliti da molti addetti ai lavori.

Con la FIFA che ha bloccato il calciomercato del Barcellona non potranno esserci nuovi innesti per la formazione spagnola a meno che non venga accolto il ricorco presentato dagli avvocati iberici. In quel caso sullo stesso aereo di Klopp potrebbe salire Hummels, ma tutto dipenderà dalla decisione della Corte di Arbitrato dello Sport (CAS). In tutto questo calderone c'è però una grande notizia per i tifosi culè: Bartomeu ha deciso di lasciare la totalità degli introiti derivanti dai diritti d'immagine sulla sua persona a Lionel Messi, che quindi diventerà di fatto il calciatore più pagato del Pianeta, e rinnoverà il proprio contratto con l'equipo azulgrana. Se non ci fosse stato l'intervento della FIFA con tutta probabilità Javier Mascherano avrebbe raggiunto il suo mentore Benitez al Napoli, ma ovviamente ad oggi ogni discorso di mercato è rimandato.
IL MOMENTO DEL REAL MADRID E IL MERCATO CHE VERRA' - Dall'altra parte invece il Real di Carlo Ancelotti, che arriva all'appuntamento con i grandi favori del pronostico, può vincere il primo titolo stagionale e sogna ancora il Triplete. E' vero che in Liga i punti di distacco dall'Atletico Madrid sono di fatto 4 (l'Atletico ha 82 punti, il Real 79 ma ha i Colchoneros hanno dalla loro gli scontri diretti) ma il campionato non è finito e in più la semifinale di Champions League contro il Bayern di Guardiola potrà dire se i Galacticos potranno ancora sognare la decima Coppa dei Campioni della loro storia.

Il mister italiano non potrà contare su Cristiano Ronaldo, infortunatosi a Dortmund in Champions League, mentre in porta giocherà come sempre nelle coppe Iker Casillas. Nella prossima stagione con tutta probabilità o lui o il rivale Diego Lopez lasceranno la Casa Blanca: “San Iker” piace all'Arsenal, l'ex Villarreal è seguitissimo da Napoli e Milan e potrebbe quindi giocare in Serie A.

E sempre campani e rossoneri hanno un altro obiettivo in comune: il laterale Contrao. De Laurentiis sarebbe pronto ad offrire una decina di milioni di euro ai blancos, Galliani potrebbe inserire il lusitano nell'affare De Sciglio, che piace tantissimo ad Ancelotti. L'offerta per la società di Via Aldo Rossi sarà l'intero cartellino del portoghese più 12 milioni di euro. Tuttavia il vero colpo della prossima stagione di Florentino Perez sarà Luis Suarez del Liverpool, per cui i Galacticos sono pronti ad offrire più di 100 milioni di euro. 

Insomma mercoledì si gioca il primo titolo stagionale in Spagna, ma i colpi di calciomercato sono già in canna per Real e Barça!