Se l’Empoli non avesse vinto questa specie di spareggio col Frosinone, sarebbe stato solo per colpa sua e per quella mezza dozzina di occasioni da gol gettate al vento. Non è andata così, invece. Nonostante gli errori davanti alla porta di Farias e Caputo (che, gol mangiati a parte, sono stati i protagonisti del pomeriggio dei toscani), l'Empoli ha battuto i laziali (come gioco ben oltre il 2-1), li ha spinti a -8 dalla zona-salvezza e soprattutto ha realizzato il controsorpasso sul Bologna. Sarà una grande lotta per salvarsi e l'Empoli è pronto almeno quanto il Bologna.
  
OK IL RITORNO DI ANDREAZZOLI - I primi 70' sono stai tutti dell’Empoli, tantochè il 2-0 maturato fino a quel momento sembrava poca cosa rispetto alla qualità del gioco e alla produzione offensiva dei toscani. Il Frosinone proprio non c’era. Il ritorno di Andreazzoli al posto di Iachini ha portato tre novità molto interessanti e tutte di segno positivo. La prima: il debutto come titolare di Marko Pajac sulla fascia sinistra; il croato segnerà anche il gol del 2-0, ma tutta la sua prestazione è stata assai convincente. La seconda: il ritorno di Maietta in squadra; con l’ex bolognese, al posto di Veseli, l’Empoli ha migliorato sensibilmente la costruzione della manovra dalla zona arretrata. La terza: il rilancio di Traoré; il ragazzino ha fatto una partita totale, in fase difensiva e offensiva, era sempre nel posto giusto.
  
NOVE MINUTI DI VAR - Gli azzurri hanno segnato dopo 20', ma solo perché l’arbitro Massa e il "varista" Manganiello hanno impiegato un bel po' di tempo a concedere un rigore netto per un fallo di Paganini su Farias. L'azione è partita con un passaggio sbagliato di Maiello, intercettato di testa da Bennacer (altra partita da leader), palla a Farias, scatto micidiale dell'ex cagliaritano e fallo netto di Paganini. Era esattamente il 14'54". Manganiello ha chiamato Massa al monitor solo al 16'27", ma le immagini sullo schermo non arrivavano per un problema tecnico. Soltanto al 19'02", 4 minuti e 8 secondi dopo il fallo, l'arbitro ha fatto il doppio cenno: monitor e dischetto. Era di piombo quella palla, ma Ciccio Caputo l'ha messa dentro firmando il 13° gol del suo campionato.
  
SOLO EMPOLI
- Il Frosinone, già in difficoltà dall'inizio, è scomparso dal campo. L'Empoli ha sbagliato con Caputo una palla-gol clamorosa (da applausi il doppio movimento di Farias che prima ha fatto il velo e poi ha trascinato via Salamon, aprendo un'autostrada per il compagno di squadra), parata da Sportiello. Ma il 2-0 non poteva tardare e quell'azione testimoniava lo sbriciolamento dei laziali. La riportiamo tocco per tocco per far capire la disastrosa fase difensiva del Frosinone. Un cross al limite dell'area empolese di Capuano è stato respinto da Silvestre, palla a Farias a Traoré, triangolo con Di Lorenzo, lancio sull'altro versante per Krunic, contrasto con Paganini, Farias ha agganciato di nuovo il pallone, per Caputo, per il taglio di Di Lorenzo su cui Molinaro era di nuovo in netto e colpevole ritardo, ancora Krunic, ancora Di Lorenzo: a quel punto eravamo già nell'area laziale, con 5 giocatori dell'Empoli (da destra a sinistra: Di Lorenzo, Caputo, Krunic, Farias e Pajac) e solo 3 del Frosinone. La palla è rimasta qualche secondo davanti all'area piccola di Sportiello, finché è arrivata a sinistra dove c'erano due azzurri liberi, quello piazzato meglio era Pajac che ha avuto tutto il tempo per controllarla e metterla di sinistro sotto l'incrocio. Una squadra che gioca la partita dell'ultima spiaggia non può mai prendere un gol così.
  
TROPPI GOL SBAGLIATI - A inizio ripresa Baroni ha tolto Cassata per far entrare Valzania, ma per riprendere la partita avrebbe dovuto toglierne 10 su 11, lasciando solo Sportiello, il portiere che stava tenendo il Frosinone ancora in partita. Ecco, questo era il vero problema dell'Empoli, stava sbagliando troppo in zona-gol. Dopo l'errore clamoroso di Caputo nel primo tempo, è arrivato quello di Farias, giunto solo davanti a Sportiello alla fine di un contropiede lanciato da Traoré e rifinito benissimo da Caputo: tiro sopra la traversa. 
  
TRE E POI QUATTRO PUNTE
- Di fronte a tanta generosità, Baroni dopo un'ora ha fatto l'unica mossa possibile mettendo la terza punta, Trotta, al posto di un centrocampista, Chibsah, e schierando la squadra col 4-3-3. I frutti sono arrivati subito, con la rete di Valzania al 20', alla prima vera occasione del Frosinone: Ciofani, con una bella mezza girata, ha bruciato Silvestre e costretto Dragowski ad una difficilissima respinta che Valzania, libero in area, ha spinto in rete. Anche in quel caso, il Var ha impiegato un tempo infinito, 4'43", per convalidare il gol: la posizione di Valzania era proprio al limite.
  
ORA SOLO FROSINONE - La partita è cambiata, la squadra di Frosinone ha preso il comando del gioco e l'Empoli si è tirato sempre più dietro. Andreazzoli ha tolto Pajac e Traoré per mettere dentro l'esperienza di Pasqual e il dinamismo di Acquah. Ma la partita ormai era tutta del Frosinone, i toscani non riuscivano più a ripartire. Baroni ha messo dentro tutta la potenza offensiva facendo debuttare Dionisi, ora erano quattro gli attaccanti laziali in campo. Andreazzoli ha risposto con Ucan per Farias con lo scopo di tenere di più la palla. Non c’era più gioco, il Frosinone faceva partire lancioni dalla difesa per la spizzata di Ciofani, ma nonostante quella forte pressione la squadra di Baroni è arrivata alla conclusione una sola volta in modo piuttosto pericoloso con una girata di testa di testa di Dionisi. Poco, troppo poco, per sperare nel pareggio e sognare la salvezza.

IL TABELLINO

Empoli-Frosinone 2-1 (primo tempo 2-0)

Marcatori: 20’ p.t. Caputo (rig.) (E), 38’ p.t. Pajac (E), 25’ s.t. Valzania (F)

Assist: 38’ p.t. Krunic (E)

Empoli (3-5-2): Dragowski; Maietta, Silvestre, Dell’Orco; Di Lorenzo, Krunic, Bennacer, Traore (32’ s.t. Acquah), Pajac (24’ s.t. Pasqual); Farias (42’ s.t. Ucan), Caputo. All. Andreazzoli.

Frosinone (3-5-2): Sportiello; Goldaniga, Salomon, Capuano (40’ s.t. Dionisi); Paganini, Chibsah (15’ s.t. Trotta), Maiello, Cassata (1’ s.t. Valzania), Molinaro; Ciano, Ciofani. All. Baroni.

Arbitro: Massa di Imperia 

Ammoniti: 23’ s.t. Valzania (F), 30’ s.t. Goldaniga (F), 33’ s.t. Pasqual (E), 49’ s.t. Dragowski (E), 49’ s.t. Acquah (E), 50’ st. Silvestre (E)