Commenta per primo

Dopo una stagione comunque positiva, l'Empoli punta decisamente alla promozione dopo i ritorni di Tavano, Buscè e Dumitru, valore aggiunto alla valida banda di giovani a disposizione di mister Aglietti. Per l'esordio in campionato l'avversario era la Juve Stabia, neopromossa e vista già in buona condizione nelle uscite estive. Grazie ad un gol di Tavano gli azzurri riescono a cogliere i tre punti, ma c'è voluta molta fatica. I campani infatti si erano portati in vantaggio dopo 10' grazie a Danilevicius, lesto a ribadire in rete un colpo di testa di Mbakogu finito sul palo. Dopo un'iniziale fase di sbandamento l'Empoli prende in mano il pallino del gioco, senza riuscire però ad impensierire Seculin tranne che in occasione di una punizione di Tavano che colpisce il palo interno, attraversa tutta la linea e termina sul fondo. Nella ripresa però l'azione dei toscani si fa più tambureggiante e porta al pareggio di Dumitru (entrato a metà del primo tempo per l'infortunato Cesaretti) che all'altezza del dischetto risolve un batti e ribatti in area della Juve Stabia. Ma i ragazzi di Aglietti non mollano e continuano a premere rendendosi pericolosi specialmente con azioni sugli esterni. Da una di queste poco dopo la mezz'ora arriva il gol di Tavano il quale riceve una sponda di prima di Dumitru, prende la mira e insacca nell'angolino. Qualche brivido nel finale per l'assalto ospite, ma le speranze delle vespe si spengono sul palo di Danilevicius in pieno recupero.

EMPOLI

L'allenatore dell'Empoli, Alfredo Aglietti: 'Vittoria dell'orgoglio. Abbiamo cominciato un po' contratti, poi per fortuna il gol di Dumitru ci ha sbloccato. Andiamo a Pescara a giocarcela e vedremo. Oggi siamo stati bravi a cercarci gli spazi perché loro si difendevano molto bene. Era importante partire bene e direi che ci siamo riusciti, anche se ci sono delle cose da correggere. Vincere era la cosa più importante. Vorrei ringraziare il pubblico che ci ha sostenuto dal primo all'ultimo minuto. All'inizio eravamo troppo tesi, la voglia di far bene ci ha bloccato un po' le gambe. Se da una parte c'è stato il grande orgoglio e la voglia di recuperare la partita, c'è da dire che prestavamo il fianco alle loro ripartenze, ma non abbiamo rischiato anche per loro imprecisione'.

Il centrocampista dell'Empoli, Mirko Valdifiori: 'Non capisco perché in altre occasioni come l'entrata su Buscè, l'arbitro ha deciso in maniera diversa. Vittoria sudata ma meritata. Dispiace anche in occasione del salvataggio sulla linea sul mio tiro. Il mio sogno è raggiungere la serie A con questa maglia'.

JUVE STABIA

L'allenatore della Juve Stabia, Piero Braglia: 'Le motivazioni cambiano rispetto alla coppa Italia. Noi rispetto all'Empoli abbiamo 11 giorni di lavoro in meno ed è normale fare fatica, specialmente nel secondo tempo. Abbiamo fatto degli errori nel momento in cui la partita stava cambiando. Ci stava di perdere qui, ma per come si era incanalata la partita si sperava di portare a casa qualcosa. L'Empoli ha grande qualità e basta vedere come si muovono e toccano il pallone. A Sassuolo ero avvelenato, ma oggi siamo andati bene. Noi dobbiamo giocarci le partite e se vogliamo farle andare come vogliamo noi possiamo fare bene. Sono contento di tutti i ragazzi. La società sa quello che deve fare e io non mi aspetto niente dal mercato'.